Pirelli dice addio a Mediobanca: ceduta quota per 153 milioni

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 gennaio 2018 7:43 | Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2018 1:01
pirelli-mediobanca

Pirelli dice addio a Mediobanca: ceduta quota per 153 milioni

MILANO –  Pirelli dice addio a Mediobanca e cede la sua quota dell’1,78% ad investitori qualificati, con proventi pari a circa 152,8 milioni di euro.

Si rafforza così ulteriormente la posizione dei fondi che già durante l’ultima assemblea avevano pesato quasi quanto i grandi azionisti del patto. Era il 1958 quando la Bicocca è entrata nel patto dell‘istituto guidato allora da Enrico Cuccia, al fianco delle tre ‘Bin’ (Comit, Credito Italiano e Banca di Roma) e delle banche estere (Lazard, Lehman Brothers, Berliner Handels Gesellschaft, Sofina) vincolando complessivamente il 55% circa del capitale.

La disdetta, con effetto alla naturale scadenza del patto il 31 dicembre 2017, era stata comunicata a settembre proprio mentre il gruppo guidato da Marco Tronchetti Provera si prepara al grande ritorno a Piazza Affari dopo il riassetto azionario e la focalizzazione sui ‘tyre’.

Tronchetti Provera poi è stato consigliere di Mediobanca dal 1996 al 2017 e vicepresidente dal 2008 a ottobre 2017. Il legame in verità non è completamente reciso perché Pirelli resta presente in Fin.Priv, che di Mediobanca ha vincolato al patto l’1,63%, con circa il 14% (pari a circa lo 0,2% in trasparenza).

Il collocamento, curato da Bnp Paribas in qualità di bookrunner, prevede l’offerta di 15.753.367 azioni ordinarie, rappresentante l’intera partecipazione ad oggi detenuta direttamente da Pirelli in Mediobanca, il cui valore di libro a bilancio nel 2016 era di 122,1 milioni di euro.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other