Smartphone, lasci il caricatore attaccato alla presa? Ecco perché è meglio non farlo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 maggio 2017 12:34 | Ultimo aggiornamento: 10 maggio 2017 12:34
Smartphone, lasci il caricatore attaccato alla presa? Ecco perché è meglio non farlo

Smartphone, lasci il caricatore attaccato alla presa? Ecco perché è meglio non farlo

ROMA – Lasciare il caricatore dello smartphone attaccato alla presa elettrica non è decisamente una buona idea. Sarà sicuramente capitato almeno una volta ad ognuno di noi, un vizio o una dimenticanza che può costarci. Il caricatore infatti rimane sempre collegato e consuma comunque energia elettrica, una dispersione che se anche bassa può costare almeno 40 euro all’anno sulla bolletta.

Se il caricatore è moderno, dicono gli esperti, una volta staccato il telefono l’energia non viene consumata e la dispersione è minima, ma se il costo in bolletta non ci spaventa, il rischio è quello di rovinare il cavo. Il passaggio di corrente infatti causa un surriscaldamento e l’utilizzo improprio può a lungo andare danneggiarlo, costringendoci a cambiarlo.  Kathryn Senior sul sito EnergySavingSecrets.co.uk afferma che questo vizietto, dovuto spesso alla pigrizia, incide sulle spese della casa:

“L’esperta spiega che il caricatore consuma 0.25 watt. Il dato di per sé è basso, ma se va cumulato a tutti i dispositivi collegati, il valore aumenta. Insomma, staccando il caricatore risparmieremmo 40 euro all’anno. Non è tutto. Lasciandolo sempre attaccato, il caricatore o il cellulare possono danneggiarsi. E questo comporterebbe una spesa ulteriore. E allora bando alla pigrizia, stacchiamo il dispositivo”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other