Addio a Francesco Di Giacomo, voce e anima del Banco del Mutuo Soccorso

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2014 23:10 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 23:10
Francesco Di Giacomo

Francesco Di Giacomo

ROMA – Si è andato a schiantare contro la Rover che veniva in senso contrario. E’ morto così Francesco Di Giacomo, voce solista dei Banco del Mutuo Soccorso, storica band romana tra le più rappresentative del rock progressive italiano.

L’incidente è avvenuto a Zagarolo, in provincia di Roma, nel tardo pomeriggio di venerdì 21 febbraio. Di Giacomo, 67 anni, viaggiava solo alla guida della sua auto. Secondo una prima ricostruzione sarebbe stato colpito da un malore che gli avrebbe fatto perdere il controllo del veicolo, facendogli invadere l’altra corsia fino a schiantarsi contro l’auto che proveniva in senso contrario. Di Giacomo è morto durante il trasporto all’ospedale di Palestrina.

Fondato nel 1969, il Banco del Mutuo Soccorso, insieme alla Premiata Forneria Marconi, gli Area e Le Orme, ha portato in Italia le sonorità e le atmosfere del rock progressive, esploso in Gran Bretagna con gruppi come i Genesis, i Pink Floyd ed i King Crimson.

Nel 1972 esce l’album d’esordio Banco Mutuo Soccorso e il concept Darwin, con il tema dell’evoluzione della specie. Questi due lavori, considerati i più significativi, hanno marchiato la produzione artistica del Banco, fatta di una contaminazione tra il prog-rock inglese, le sonorità mediterranee e la tradizione del melodramma italico.

Con la timbrica inconfondibile della voce di Di Giacomo a fare da collante. Dal 1971 al 1997 la band ha prodotto 18 album, a cui è seguito nel 2004 No palco, un live per celebrare il trentennale, a cui hanno partecipato ospiti del calibro di Mauro Pagani, Federico Zampaglione, Eugenio Finardi e Angelo Branduardi.

Francesco Di Giacomo, voce da tenore, fisico grande era nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, nel 1947, insieme al fratello di Vittorio, Gianni, al chitarrista Marcello Todaro,al bassista Renato D’Angelo e al batterista Pierluigi Calderoni aveva fondato il Banco del Mutuo Soccorso. La sua voce era il timbro delle canzoni del Banco, spesso anche con i suoi testi.

La notizia della scomparsa di Francesco Di Giacomo è arrivata naturalmente anche al Festival di Sanremo. Alla fine dell’esibizione di Noemi, Fabio Fazio ha dato la notizia, e tutto il pubblico si è alzato in piedi. Su Twitter Lorenzo Jovanotti cita Moby Dick del Banco per ricordarlo così: “La sorte corre nella tua scia, colpo di coda e vola via. Ciao Francesco, voce meravigliosa”.