Kanye West urina sul Grammy nel wc di casa: “Credetemi, non mi fermerò”

di Caterina Galloni
Pubblicato il 20 Settembre 2020 22:17 | Ultimo aggiornamento: 17 Settembre 2020 16:24
Kanye West, Ansa

Kanye West urina sul Grammy nel wc di casa: “Credetemi, non mi fermerò” (foto Ansa)

Kanye West ha urinato su uno dei suoi 21 Grammy nel wc di casa. Una chiara provocazione visto che ha paragonato l’industria discografica a una nave schiavista.

Il rapper, 43 anni, vorrebbe che gli artisti possano acquisire i diritti sui loro dischi e ha deciso di non registrare nessuna canzone finché non sarà libero dai contratti Universal e Sony.

Ha postato un video su Twitter in cui si vedeva uno dei suoi 21 Grammy posizionati all’interno di un water mentre lui urinava sul prestigioso premio.

“Fidatevi di me … NON MI FERMERO'”, ha scritto sotto la clip, riferendosi alla battaglia che sta portando avanti contro le etichette musicali per ottenere la proprietà dei diritti sui dischi degli artisti.

Il lungo sfogo su Twitter è durato diverse ore, durante il quale ha violato le regole di condotta del social. Ha infatti condiviso il numero telefonico di Randall Lane, editore di Forbes da lui definito “un suprematista bianco”.

“Se qualcuno dei miei fan vuole chiamare un suprematista bianco … questo è l’editore di Forbes”, ha scritto West.

In passato, il rapper ha più volte criticato la rivista per non averlo definito un “miliardario”.

Twitter ha impiegato 30 minuti per nascondere il tweet con i dettagli di Lane. Su un tweet, West ha inoltre criticato i rigidi contratti ai quali sono soggetti i giocatori NBA di colore e ha dichiarato:”L’industria discografica e l’NBA sono le moderne navi schiaviste. Sono il nuovo Mosè”. In un altro ha scritto:

“Non c’è NBA o industria discografica senza i neri, i contratti equi contano, la proprietà conta”. Ha inoltre accusato i media di “tentare di uccidere” eroi di colore, incluso Michael Jackson e twittato “BLACK MASTERS MATTER”. Il movimento attivista internazionale, originato all’interno della comunità afroamericana. (Fonte: Daily Mail)