Somane Duula, inutile piangere sul somalo versato…Ma ora destinazione Somalia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Settembre 2021 9:44 | Ultimo aggiornamento: 13 Settembre 2021 9:44
Somane Duula, inutile piangere sul somalo versato...Ma ora destinazione Somalia

Somane Duula, inutile piangere sul somalo versato…Ma ora destinazione Somalia FOTO ANSA

Non si rimette il dentifricio nel tubetto, non ce la si fa neanche a provarci ed è inutile piangere sul latte versato…Non ha nessuna utilità il molto che si va dicendo a proposito di Somane Duula il somalo che sotto cocaina ha accoltellato cinque persone dopo che gli era stato chiesto il biglietto del bus su cui viaggiava. 

La Croce Rossa aveva avvertito

Ora si viene a sapere che la Croce Rossa aveva avvertito che Somane Duula era incline alla violenza. La Croce Rossa quasi mai fa segnalazioni di questo tipo, quindi era preoccupazione vera. Ma cosa davvero poteva fare la polizia? Mettere uno o due agenti in pianta stabile dietro il somalo? Arrestarlo preventivamente? Cose impossibili entrambe.

La richiesta di rifugiato

Somane Duula aveva chiesto all’Italia il riconoscimento della condizione di rifugiato. In questo limbo tra l’ammesso e il clandestino girava per l’Europa e quindi per l’Italia. Non bisognava farlo entrare, sbarcare? E come, affondandolo o incarcerandolo una volta sbarcato? Variamente e rumorosamente viene declinato il “non doveva succedere” ma è un esercizio vano e appunto inutile, a metà tra il recriminatorio e il declamatorio.

Prossima stazione Somalia, senza fermate intermedie

Più opportuno e utile sarebbe formulare richieste e impegni chiari e netti su quel che deve succedere. Deve succedere che Somane Duula non venga più messo in condizione di girare per l’Italia. Violento, pericoloso e manifestamente autore di azioni criminali. Probabilmente anche fuori di testa. Ma questo dato non deve aprire nessuna breccia. Magistratura dirà come e quanto debba essere detenuto in Italia.

In Italia ma in condizione di detenzione. Non l’attesa del processo o una qualche perizia medica devono consentire a Somane Duula che ne ha accoltellati cinque, tra cui un bambino, di rimettere piede libero sul suolo italiano. Per lui la prossima stazione dopo il carcere o il Tribunale deve essere la Somalia, senza fermate intermedie di nessun tipo. E stavolta accompagnato sì da agenti o carabinieri, stavolta si può e si deve.