Brexit party a valanga nei sondaggi. Il partito di Nigel Farage al 34%, più della somma Labour-Tories

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 maggio 2019 11:47 | Ultimo aggiornamento: 14 maggio 2019 0:36
Brexit party a valanga nei sondaggi. Il partito di Nigel Farage al 34%, più della somma Labour-Tories

Brexit party a valanga nei sondaggi. Il partito di Nigel Farage al 34%, più della somma Labour-Tories

ROMA – Non più una vittoria elettorale, ma una valanga: i numeri dei sondaggi assumono i connotati del boom per il nuovo Brexit Party di Nigel Farage, in vista delle Europee del 23 maggio. E gettano nello sconforto i due maggiori partiti britannici – i laburisti di Jeremy Corbyn, ma soprattutto i conservatori della premier-anatra zoppa Theresa May – non senza destare qualche moto di panico a Bruxelles.

Venuta alla luce un paio di mesi fa con la pretesa post-ideologica di aggirare la tradizionale divisione destra-sinistra, l’ultima creazione dell’euroscetticismo d’oltremanica viene indicata adesso – almeno a credere alla rilevazione aggiornata condotta dall’istituto Opinum per conto dell’Observer, il domenicale del progressista Guardian – a uno strabiliante 34% di consensi: addirittura più di Labour e Tory messi insieme nel contesto del voto proporzionale e monotematico europeo.

Un voto cui a rigor di logica il Regno Unito non avrebbe dovuto partecipare, a tre anni dal referendum che nel 2016 decretò l’uscita dall’Ue, ma che la mancata ratifica finora del divorzio a Westminster rende inevitabile. I laburisti scendono invece al 21%, tre punti in meno di 5 anni fa e sugli stessi livelli delle elezioni del 2009 per il rinnovo dei 73 seggi britannici di Strasburgo. Mentre a fare impressione è il tracollo all′11% del Partito Conservatore, più che dimezzato rispetto al 2014 e scavalcato persino dai Liberaldemocratici, gli europeisti più bellicosi in questa fase.

Uno tsunami che dovrebbe spingere Labour e governo ad accelerare verso quel problematico accordo di compromesso su una Brexit soft in grado se non altro d’allontanare i contraccolpi di quello che il ministro dell’Istruzione, Damian Hinds, riconosce oggi come un “voto di protesta” potenzialmente catastrofico. Ma che incoraggia intanto i falchi Tory dissidenti a riproporre richieste ultimative di dimissioni alla May: chiamata a offrire sul piatto una data precisa in un meeting previsto mercoledì.

Neppure per il frammentato fronte dei partiti pro-Remain ultrà, schierati per un secondo referendum senza le ambiguità attribuite al Labour, va del resto benissimo. Alle buone previsioni sui LibDem corrisponde infatti un discreto 8% dei Verdi, ma pure il deludente 3% accreditato al neonato Change Uk, sodalizio di fuoriusciti centristi ex conservatori ed ex laburisti beniamini dell’establishment liberal. Risultati che, anche a volerli sommare in un’ipotetica quanto spuria grande coalizione anti-Brexit con quelli dei nazional-secessionisti scozzesi dell’Snp e gallesi di Plaid Cymru, restano una decina di punti al di sotto del solo Brexit Party. A cui peraltro andrebbe aggiunto il 4% residuo che Opinum lascia a destra della destra al vecchio Ukip rimasto orfano di Farage.

Proprio al richiamo di una sorta di Santa Alleanza eurofila per fermare l’ondata brexiteer di ritorno s’aggrappa comunque l’ex premier Tony Blair, invitando in un’intervista tutti gli elettori laburisti non in sintonia con gli “equilibrismi” di Corbyn sul referendum bis a provare a trasformare nei fatti le forze Remain in un cartello. Appello dagli esiti incerti, d’altronde, tanto più che sondaggi paralleli riferiti a un eventuale voto politico nazionale (uninominale e maggioritario secco) non paiono offrire grandi chance a un tale rovesciamento dei giochi. Limitandosi a indebolire i due big, ma stavolta con il Labour primo attorno al 28% e i Tory testa a testa col Brexit Party a cavallo di quota 20. E con i LibDem a un 11% piuttosto sterile, seguiti da tutti gli altri dal 6 in giù. (fonte Ansa)