Marò, Napolitano: “Scarsa volontà politica dell’India è insopportabile”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Dicembre 2014 14:55 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2014 14:55
Marò, Napolitano: "Scarsa volontà politica dell'India è insopportabile"

Salvatore Girone e Massimiliano Latorre (Foto Lapresse)

ROMA – “La scarsa responsabilità politica dell’India sulla vicenda dei Marò italiani è insopportabile”: il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, non ci gira intorno. Nel suo discorso di saluto annuale alle forze armate in missione internazionale il capo dello Stato ha criticato senza mezzi termini il modo in cui Delhi sta gestendo l’inchiesta a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due fucilieri della Marina accusati di aver ucciso due pescatori indiani nel 2012 durante una missione antipirateria.

Napolitano ha cominciato il suo messaggio di auguri dicendo che “è sempre difficile comunicare con l’India” e invece “dovremmo cercare di risolvere questo problema annoso che si trascina in modo insopportabile”. Rivolgendo il pensiero a Salvatore Girone, anche lui in videoconferenza da Delhi, ha detto:

“Un anno fa il nuovo ambasciatore indiano mi disse che avreste avuto un ‘fast and fair trail’, un processo rapido e corretto. Purtroppo quella è rimasta una frase e abbiamo avuto prove molto negative”, compresa una “scarsa volontà politica di dare una soluzione equa a questo problema”. Gli italiani, ha detto ancora Napolitano, “vi sono vicini” e “io personalmente sono molto colpito dalla serenità mostrata da lei e dalle vostre famiglie. Domani mattina sarò a colloquio con il presidente del Consiglio e mi dirà anche gli ultimi passi intrapresi con le autorità indiane”.

Da Delhi Girone ha risposto: “Ringrazio il presidente, sono ancora fiducioso nelle nostre istituzioni nonostante tutto quello che è accaduto negli ultimi tre anni”.