Nettuno (Roma): cade giunta M5S, consiglieri grillini si dimettono, sindaco a casa come Ignazio Marino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2018 14:18 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018 14:18
Nettuno (Roma): cade giunta M5S, consiglieri grillini si dimettono, sindaco a casa come Ignazio Marino

Nettuno (Roma): cade giunta M5S, consiglieri grillini si dimettono, sindaco a casa come Ignazio Marino

ROMA – Cade la giunta M5S a Nettuno, comune sul litorale a sud di Roma. Il sindaco Angelo Casto è stato sfiduciato da 13 consiglieri comunali che si sono dimessi. Tra loro anche quattro pentastellati che hanno firmato le dimissioni insieme ad altri 9 colleghi dell’opposizione.

App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui

Ladyblitz – Apps on Google Play

La procedura è la stessa che ha portato nel 2015 alla caduta del sindaco di Roma Ignazio Marino, sfiduciato dagli stessi consiglieri del Pd. “Dopo due anni di inefficienze amministrative, immobilismo istituzionale e litigi interni al Movimento 5 Stelle, l’amministrazione è stata sfiduciata e la città litoranea è tornata finalmente libera. Nettuno è da tempo ferma al palo. L’auspicio, ora, è che le forze civiche e politiche di centrodestra comincino a lavorare insieme”, commenta il coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

“Si è consumato l’ennesimo flop dei Cinque stelle. Il sindaco è stato sfiduciato dai suoi ex amici che lo hanno abbandonato per manifesta incapacità. E’ il mandato più breve nella storia della città”, afferma il senatore Udc Antonio Saccone.