I rimborsi di Lusi ai big della Margherita: multe, benzina, avvocati…

Pubblicato il 26 Maggio 2012 12:35 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2012 12:35

Luigi Lusi (foto Lapresse)

ROMA – Multe, benzina, avvocati, feste per i bambini: sarebbero queste, secondo quanto riportano diversi giornali (tra cui Corriere della Sera, Messaggero, Il Giornale), alcune delle spese che Luigi Lusi rimborsava ad alcuni esponenti della Margherita.

Secondo Sara Menafra, del Messaggero “nel 2010 il parlamentare popolare Giuseppe Fioroni presenta fatture per circa 130 mila euro. Tra queste, ci sono 17 mila euro di spese telefoniche, 11 mila alla voce “Fioroni multe” e 16mila per il carburante.

Invece, scrive Menafra, Giacomelli, che a detta della segretaria Francesca Fiore era il dirigente che si occupava dei rimborsi spese a nome di Franceschini, risulta intestatario di una fattura per 43 mila euro dell’avvocato Hector Bromura e altre spese legali per circa centomila euro. In totale nel 2010 la quota di Franceschini tocca i 162.230 euro.

Continua Menafra: Nel 2010 Franco Marini chiede solo un rimborso di 832 euro per il suo addetto stampa.

L’elenco di Menafra continua: Spese telefoniche anche per Enrico Letta: settemila euro nel 2010.

E infine la Menafra affronta il capitolo su Francesco Rutelli: nel corso del 2010 avrebbe speso 926mila euro. Tra questi, 63mila euro di spese informatiche e migliaia di euro per «l’edicola». Nel solo gennaio 2012, al leader dell’Api vengono attribuite inoltre 7.800 euro di spese telefoniche del deputato Api Gianni Vernetti, 4.800 euro di rassegna stampa e 5.140 euro di telefono per l’ufficio stampa. Il totale del mese è 27.500 euro. Poi ci sono le aziende, senza leader di riferimento: la Cianfrocca, azienda di trasporti, fattura nel 2009 quasi 200mila euro. E la Aeffe, specializzata in eventi per bambini ne fattura altri 60mila.