L’Italia al gelo, alta velocità deviata a Firenze e strade nel caos: segui la diretta su Blitz quotidiano

Pubblicato il 17 Dicembre 2010 10:55 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2010 19:40

L’Italia è sotto la neve: a Firenze i treni alta velocità sono deviati e non passano dalla stazione di Santa Maria Novella. Un tir di traverso ha mandato in tilt la A1 e migliaia di automobilisti sono bloccati.

Il gelo di questi giorni sembra che sia solo l’antipasto: nelle prossime ore, infatti, le temperature si abbasseranno ulteriormente, anche se di poco. Nella notte tra giovedì e venerdì il freddo è stato da record. Intanto continua a nevicare, soprattutto sulle zone adriatiche. Freddo in tutto il Paese insomma, ma con alcune differenze: per le prossime ore è previsto cielo sereno al nord e piogge sparse al centro sud. Per Natale si prevedono piogge.

19.34 Scuole chiuse domani a Bergamo e provincia a causa delle abbondanti nevicate che hanno interessato oggi tutta la zona, creando non pochi disagi, soprattutto sulle strade. L’ordinanza e’ stata firmata oggi pomeriggio dal prefetto di Bergamo, Camillo Andreana. Il provvedimento e’ stato deciso alla luce anche delle previsioni meteo per la giornata di domani su tutta la Lombardia, che annunciano temperature molto rigide e diffuse gelate. La sospensione delle attivita’ didattiche potra’ contribuire sensibilmente alla riduzione del traffico.

19.26 Il Codacons presentera’ domani un esposto alla Procura della Repubblica di Roma in merito ai pesantissimi disagi che nella giornata odierna hanno colpito gli automobilisti della capitale. ”E’ bastata una nevicata di pochi minuti a paralizzare totalmente la circolazione della citta’, in quasi tutte le arterie urbane ed extraurbane – afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi – e’ una vergogna! Del freddo e della neve per la giornata odierna si sapeva gia’ da diverso tempo, ma non sembrano essere stati presi adeguati provvedimenti per consentire una viabilita’ regolare. I principali disagi si sono registrati sulla Cassia Bis, sulla Roma-L’Aquila, e sul Grande Raccordo Anulare, ma piu’ generalmente e’ stata l’intera citta’ a rimanere intrappolata in code chilometriche che hanno torturato i cittadini romani”. ”Chiediamo alla magistratura di accertare le responsabilita’ di tale situazione caotica – conclude Rienzi – e verificare se siano state adottate tutte le misure utili ad evitare problemi alla circolazione. L’associazione sta infine valutando la possibilita’ di una class action da parte di coloro che oggi hanno subito danni da traffico”.

19.19 Tre bus, con a bordo ragazzini quindicenni, sono bloccati sulla SS36 di Monza da stamattina. Lo hanno reso noto i vigili del fuoco. Secondo quanto riferito, i mezzi non riuscirebbero ad avanzare per il traffico, praticamente bloccato, a causa del ghiaccio.

19.12 Bambini bloccati all’uscita delle scuole materne di Pra’, Bolzaneto e Campi, nella periferia di Genova, a causa del ghiaccio che, con l’arrivo dell’oscurita’, e’ arrivato anche a bassa quota. I vigili del fuoco hanno ricevuto decine di telefonate nel pomeriggio da parte di genitori che non riuscivano a prelevare i figli dalle scuole per l’infanzia a causa delle lastre di ghiaccio che hanno ricoperto l’asfalto. I vigili del fuoco sono impegnati ad aiutare anche decine di automobilisti le cui vetture sono finite di traverso lungo le strade sempre per colpa del maltempo. La situazione piu’ grave a Bolzaneto, dove a bloccare il traffico e’ stato un mezzo pesante, che ha perso il controllo. Nessun ferito, ma grandi disagi sulla circolazione.

19.05 Migliaia di automobilisti sono bloccati sull’autostrada A1 tra Incisa e Firenze Sud a causa dell’intraversamento di mezzi pesanti per la neve. Squadre delle associazioni di volontariato si stanno recando a dare soccorso con medicinali, coperte e generi di conforto, ma, secondo quanto si apprende dalla sala operativa della protezione civile regionale, potrebbe diventare difficile raggiungere tutti. Analoghi problemi stanno accadendo sull’A12 dove il traffico e’ bloccato per decine di chilometri nel tratto compreso tra Rosignano e Collesalvetti, in provincia di Livorno.

18.50 E’ bloccato il tratto dell’area fiorentina della A1, tra Incisa e Firenze Sud e Firenze Certosa. Sulla zona sta nevicando intensamente ed il blocco, secondo quanto spiegato da Autostrade per l’Italia, e’ causato dall’intraversamento di alcuni mezzi pesanti non attrezzati e che hanno intrapreso il viaggio senza catene. Il blocco provocato dai Tir non ha consentito neanche l’impiego degli spargisale e dei mezzi di Autostrade per l’Italia mobilitati per affrontare l’emergenza neve.

18.36 Migliaia di automobilisti sono bloccati sull’autostrada A1 tra Incisa e Firenze Sud a causa dell’intraversamento di mezzi pesanti per la neve. Squadre delle associazioni di volontariato si stanno recando a dare soccorso con medicinali, coperte e generi di conforto, ma, secondo quanto si apprende dalla sala operativa della protezione civile regionale, potrebbe diventare difficile raggiungere tutti. Analoghi problemi stanno accadendo sull’A12 dove il traffico è bloccato per decine di chilometri nel tratto compreso tra Rosignano e Collesalvetti, in provincia di Livorno.

18.06 In una nota il gruppo Fs segnala inoltre che a Pisa, dove le precipitazioni nevose sono particolarmente intense è scattato il piano di emergenza-neve con lo scopo di contenere il flusso della circolazione, cancellando alcune corse in modo da poter garantire comunque i principali collegamenti. ”L’eccezionale ondata di maltempo che ha investito in queste ore l’area centro settentrionale del nostro Paese sta influenzando la regolarità della circolazione ferroviaria in alcune regioni”, prosegue la nota aggiungendo che ”il piano emergenza-neve è in atto anche nel Lazio, sulla Roma-Viterbo e sulla linea che attraversa i Castelli Romani in direzione di Velletri, con treni cadenzati ogni ora”. ”Il Gruppo FS – si afferma nel comunicato – è impegnato a fare il massimo per non interrompere i collegamenti e limitare i ritardi e le modifiche alla normale programmazione dei treni, monitorando in stretto raccordo con la Protezione Civile l’evoluzione delle condizioni meteorologiche”.

18.03 Le abbondanti nevicate in Toscana e nel Lazio stanno determinando modifiche alla circolazione dei treni su alcune linee. In particolare, a Firenze, i treni Alta velocita’ che collegano il nord con il sud del Paese e viceversa non effettuano fermata nella stazione di Santa Maria Novella ma in quelle di Rifredi e Campo di Marte. Alcuni convogli che erano attesi alla stazione fiorentina di Santa Maria Novella, snodo centrale del traffico ferroviario nel capoluogo toscano, sono stati cancellati.

17.39 ‘Domani saranno chiuse le scuole della citta”’. Lo ha annunciato sulla sua pagina facebook il sindaco di Firenze Matteo Renzi negli aggiornamenti sulla via sulla situazione provocata dall’intensa nevicata che e’ ancora in corso. ”Il problema principale e’ l’ingorgo delle auto private: in questo momento le strade fanno tappo, anche perche’ la FI-PI-LI e’ chiusa e l’autostrada bloccata. Questa e’ la fregatura piu’ grande che blocca i viali”, osserva Renzi. ”Le scuole – rende noto Renzi – tengono i bambini anche oltre l’orario di chiusura, sono attrezzate. Domani saranno chiuse le scuole della citta”’, annuncia il sindaco.

17.22 E’ ancora chiuso l’aeroporto di Pisa a causa della scarsa visibilita’ dovuta al maltempo. Lo stop ai voli si protrarra’ almeno fino alle 18.30. Secondo i rilievi effettuati dalla Sat, la societa’ che gestisce lo scalo pisano, sono stati 19 i voli in arrivo e partenza cancellati per le avverse condizioni meteorologiche. Mentre altri sei voli sono stati dirottati su altri scali (Genova, Parma, Bergamo e Bologna).

17.00 Migliaia di passeggeri affollano in queste ore l’aerostazione dell’aeroporto di Firenze, chiuso per la neve dalle 14 circa. La direzione ha acquistato decine di sedie in un vicino grande magazzino da mettere a disposizione dei viaggiatori. La zona dell’aeroporto, cosi’ come il resto della citta’, e’ praticamente inagibile, non vi arrivano ne’ autobus, ne’ auto. Per questo, anche i passeggeri che avrebbero fatto rientro in citta’ in previsione di una partenza fortemente ritardata sono stati costretti a restare. Circa una ventina i voli cancellati finora.

16.42 Traffico aereo sospeso allo scalo di Orio al Serio (Bergamo) a causa della neve che sta scendendo ininterrottamente da questa mattina all’alba. L’aeroporto bergamasco e’ stato chiuso alle 16 per consentire le operazioni di sghiacciamento e di pulizia della pista e del piazzale aeromobili. Le operazioni di volo, fa sapere la Sacbo, sono sospese fino alle 18. Al momento risultano cancellati nove voli in partenza e sette in arrivo, tutti operati da Ryanair. Altri due voli Ryanair, provenienti da Brema e Alicante, sono stati dirottati a Verona.

16.28 Prima nevicata di questo inverno in Veneto, dove dal primo pomeriggio fiocca debolmente su tutta la pianura. La precipitazione, leggera anche perche’ il freddo resta intenso, non sta creando particolari problemi alla viabilita’. La circolazione sulla rete autostradale della regione e’ rallentata, ma non vengono segnalati incidenti. Sulle strade sono in funzione i mezzi spargisale. Venezia si presenta gia’ con i tetti e i campielli imbiancati, un’immagine sempre suggestiva che pare creata apposta per le imminenti festivita’ del Natale. Anche le altre maggiori citta’ capoluogo sono coperte da un leggero velo bianco, mentre la nevicata e’ un po’ piu’ intensa sulle zone di campagna e quelle collinari. I primi fiocchi hanno attecchito subito sulle citta’, grazie al freddo di questi giorni (stamane le minime oscillavano in pianura da -5 a -7), che ha creato le condizioni ottimali per la prima imbiancata della stagione.

15.22 Le abbondanti nevicate in Toscana stanno creando disagi e ritardi anche al traffico ferroviario. In particolare, problemi si registrano nei nodi di Firenze e Pisa: alcuni convogli viaggiano con ritardi che superano i sessanta minuti.

14.57 Sul Piemonte continua il periodo di freddo intenso, ma anche oggi e’ stata una giornata asciutta, se si escludono brevi e modeste nevicate sui rilievi. A Torino – stando alle rilevazioni dell’Arpa (Agenzia regionale di protezione ambientale) – la minima e’ stata -6.6, ma il capoluogo di provincia piu’ freddo e’ stata Cuneo, con -7.6. Termometro sotto i 15 gradi a 2.000 metri, a -10/-12 sulle Alpi a 1.000-1.500 metri e sull’Appennino alessandrino. Agli oltre 4.000 metri della Capanna Margherita, il rifugio alpino piu’ alto d’Europa, la minima oggi e’ stata di -27.7, quasi cinque gradi in piu’ rispetto a tre giorni fa. Domenica le massime dovrebbero aumentare di qualche grado, risalendo sopra lo zero.

14.52 Il tratto Castel Madama-L’Aquila Ovest dell’autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo e’ stato chiuso in entrambe le direzioni intorno alle 14,30 a causa della neve. Lo si e’ appreso dalla societa’ Autostrade. Secondo quanto riferito dalla societa’ di gestione delle autostrade A24 Roma-Teramo e e A25 Pescara-Torano il Piano Operativo antineve e’ attivo – fin dalle prime ore di oggi – con oltre 100 mezzi per lo spargimento dei fondenti e per la rimozione della neve. Attualmente su entrambe le autostrade e’ in corso il controllo delle catene a bordo o dei pneumatici da neve, come previsto dal Piano Operativo predisposto in collaborazione con la Polizia Stradale. E’ stato, inoltre, attivato il filtro dei mezzi pesanti oltre 7,5 tonn sull’A24 alla barriera di Teramo, in direzione Roma, e tra Tivoli e Castel Madama, in direzione L’Aquila, e sull’A25 tra Villanova e Chieti in direzione Torano. Strada dei Parchi invita gli automobilisti ad informarsi sulle condizioni meteo e della strada prima di partire e durante il viaggio.

14:12 Qualche fiocco di neve a Venezia e Mestre, senza alcuna conseguenza per la viabilità, mentre nevicate di scarsa intensità sono segnalate in altre parti della pianura veneta. Le minime in Veneto sono ben al di sotto della media stagionale e il freddo ha creato qualche ritardo alla circolazione ferroviaria. La polizia stradale non segnala invece situazioni di difficoltà lungo la rete viaria regionale.

14:08 Scattato il piano anti neve all’aeroporto di Fiumicino. All’aeroporto di Fiumicino è scattato prontamente il primo livello di piano anti neve con lo spargimento sulle piazzole e piste di appositi prodotti che evitino l’attecchimento sulla pavimentazione. La nevicata, intensa per oltre tre quarti d’ora e che, solo a tratti, ha visto l’attecchimento a terra, si è trasformata intorno alle 13.40 in una pioggerellina. Il “Piano Neve” definisce le responsabilità e i compiti dei vari enti e operatori aeroportuali, in caso di precipitazioni nevose, al fine di garantire l’agibilità dello scalo. A questo scopo, vengono periodicamente svolte esercitazioni in aeroporto proprio per testare le varie procedure, come ad esempio lo schieramento dei mezzi necessari e la rapidità di intervento, e valutare lo stato di efficienza di mezzi/attrezzature e la preparazione del personale (in totale 100 uomini appositamente addestrati). Il parco macchine è composto da 5 lame spazzaneve, 6 mezzi combinati per la pulizia della pavimentazione delle piste di volo, 3 turbine soffianti, 2 automezzi per lo spargimento delle sostanze antighiaccio, 3 De-Icer per lo schiacciamento dei velivoli, 2 auto “Surface Friction Tester”, che serve a misurare il coefficiente di attrito sulle piste e dare quindi l’agibilità, e da altri mezzi di supporto (autocarro, trasporto materiali, fork lift elettrici). Tutti i mezzi vengono costantemente tenuti in efficienza e con frequenza almeno settimanale (giornaliera nei momenti più critici), ne viene testato il funzionamento. Per quanto riguarda il “Piano Neve”, la fase iniziale prevede la comunicazione di previsioni meteo al Centro Operativo per l’Emergenza, coordinato dal Capo Scalo di servizio ADR e composto dal responsabile Inflight Safety & Emergency e dal responsabile del Pronto Soccorso. In considerazione di tali previsioni e sulla base della procedura stilata da ADR sull’emergenza neve, si predispone l’organizzazione, il personale, le attrezzature e i prodotti antighiaccio. Il responsabile tecnico delle operazioni di ADR, dopo avere disposto lo spargimento di sostanze antighiaccio per evitare l’attecchimento della neve sulla pavimentazione, valuta continuativamente la consistenza della precipitazione e lo stato del manto nevoso e procede, coordinando il personale preposto, alla rilevazione del coefficiente di attrito sulle piste di volo in uso, per definirne l’agibilità. Il capo scalo ADR, sulla base delle informazioni meteo ricevute da ENAV, ed avvalendosi della collaborazione sul campo del responsabile tecnico delle operazioni ADR, coordina tutte le operazioni di rimozione del manto nevoso.

14:07 La neve crea problemi su strade e città della Toscana. Sono già imbiancate tutte le strade di Firenze dove dalle 13 la neve sta cadendo abbondante. Problemi al traffico si registrano anche a Pisa, Pistoia e ad Arezzo dove la circolazione è particolarmente difficoltosa anche perché la temperatura sotto zero rende le strade particolarmente scivolose. Nelle zone collinari della provincia di Pistoia e di Arezzo tutti gli spazzaneve e i mezzi spargisale sono già in azione. A Prato il sindaco Roberto Cenni, su indicazione dell’assessore alla protezione civile, ha autorizzato i responsabili dei plessi scolastici a far uscire anticipatamente i ragazzi dalle scuole. Problemi si registrano anche sull’A11, la Firenze-Mare, sulla Firenze-Siena e sulla Fi-Pi-Li. Sull’A1, invece, nel tratto tra Incisa e Montepulciano, nevica da circa un’ora e sono già in funzione i mezzi spargisale. Decine di chiamate anche ai centralini dei vigili del fuoco che, sopratutto nella zona di Pontedera e Cascina, nel pisano, sono intervenuti per veicoli finiti fuori strada.

13:56 Neve a Roma, ma ancora nessun disagio a Fiumicino. Dalle 12.40 è in corso una nevicata intensa, oltre al litorale romano, anche sull’area dell’aeroporto di Fiumicino. L’evento sta suscitando lo stupore e la curiosità anche di tanti passeggeri, incappucciati ed infreddoliti, ed operatori aeroportuali, che sono usciti fuori dai terminal per scattare foto ricordo con telefonini e macchinette fotografiche, con lo sfondo della torre di controllo. Per il momento, la nevicata non sta creando problemi al traffico aereo. Le uniche cancellazioni, 4 voli in partenza rispettivamente 2 per Monaco, 1 per Francoforte, operati dalla Lufthansa, ed 1 per Zurigo, della Swiss, sono dettate dalle avverse condizioni meteo su scali del nord Europa, che stanno provocando alcuni ritardi anche in arrivo, compresi voli dall’Olanda.

13:25 La neve crea disagi in Toscana. La neve che cade da stamani anche in diverse località della costa sta creando problemi al traffico in gran parte della Toscana. La polizia stradale segnala diversi incidenti, senza gravi conseguenze per le persone, che causano però incolonnamenti o chiusure di strade. A Siena il traffico è paralizzato in città, in provincia si transita solo con catene montate e lungo la Siena-Grosse è stato vietato il transito ai mezzi pesanti per circa 20 chilometri. E’ chiusa la Variante Aurelia, in direzione sud, a San Vincenzo (Livorno). E’ stata istituita l’uscita obbligatoria allo svincolo di San Vincenzo Nord con il rientro a San Vincenzo Sud. L’incidente, che non ha causato feriti, ha coinvolto due mezzi pesanti, provocando il rovesciamento del carico di uno dei due veicoli. Nevica sulla Firenze-Siena e sulla Fi-Pi-Li. La polizia stradale invita gli automobilisti a non mettersi in viaggio senza le catene a bordo o le gomme da neve. E nevica anche a Firenze, Pisa, Pistoia, Grosseto e Viareggio. Particolarmente critica, in mattinata, la situazione a Livorno e provincia dove la neve sta cadendo da oltre 4 ore. Numerosi gli incidenti stradali. I vigili del fuoco hanno già messo le catene ai loro mezzi. Il traffico è congestionato in molte strade della città e sulla Variante Aurelia. Squadre di operai sono a lavoro con i mezzi spargisale soprattutto nelle zone collinari. Domani tutte le scuole, di ogni ordine e grado, saranno chiuse: il sindaco Alessandro Cosimi ha firmato l’ordinanza, d’intesa con il provveditorato. Provvedimento analogo è già stato adottato anche a Camaiore (Lucca).

13:15. Neve a Roma. Primi fiocchi di neve a Roma, come da previsioni. In alcuni quartieri a Nord e del centro della capitale i romani si sono fermati e, con gli occhi all’insù, hanno visto scendere lentamente la neve. Anche i turisti hanno guardato con stupore i primi fiocchi, anche se per strada nessuno ha ancora aperto gli ombrelli. Più intensa la nevicata che colpisce il litorale romano. Alle 12.40, la neve è scesa fitta sulle zone di Fiumicino, Focene, Fregene e Ostia.

13:04. Traffico in tilt nel bergamasco per la neve. Primi disagi in provincia di Bergamo per la neve che cade ininterrottamente da questa mattina all’alba in città e provincia. Traffico paralizzato soprattutto lungo le strade provinciali e nella zona della Bassa Bergamasca, tra Zingonia, Brembate e lungo la ex strada statale 11. Il fondo stradale è reso particolarmente insidioso dal ghiaccio che si è formato a causa delle temperature sotto zero, nonostante il lavoro dei mezzi spargisale. Lungo l’autostrada A4 un’auto è finita in testacoda, provocando dei rallentamenti nei pressi di Seriate (Bergamo), in direzione di Venezia. Qualche difficoltà anche all’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo), che peraltro è sempre rimasto operativo: molti voli in partenza hanno pero’ subito ritardi a causa delle operazioni di sghiacciamento dei velivoli.

13:03. Prima neve a Trieste. I primi fiocchi di neve scendono da mezzogiorno su Trieste e sull’Altopiano del Carso, anteprima delle più abbondanti nevicate previste dal pomeriggio e in serata sul Friuli Venezia Giulia. Le precipitazioni nevose – annuncia l’Osservatorio meteorologico dell’Arpa – dovrebbero proseguire fino alla serata per diminuire nelle ore notturne, in qualche caso accompagnate anche da pioggia sulla costa. Al momento non sono segnalati disagi alla circolazione su strade e ferrovie; le amministrazioni dei principali capoluoghi hanno attivato da ieri i propri piani di intervento-neve. La depressione dovrebbe transitare velocemente oggi, con rischio di gelate per il vento di Bora, e da domani sono previste schiarite, soprattutto dal pomeriggio. 

12:58. Calabria: innevate tutte le catene montuose. Pollino, Sila, Serre, Aspromonte e rilievi sulle coste del tirreno: nessuna delle zone montane della Calabria e’ stata risparmiata dall’ondata di maltempo con neve e gelo anche a bassa quota che ha interessato da alcuni giorni la Calabria. La neve e le temperature molto rigide hanno creato notevoli problemi alla circolazione stradale con automobilisti in panne o vittime di tamponamenti e piccoli incidenti stradali provocati dai lastroni di ghiaccio.