Blitz quotidiano
powered by aruba

Secondini Gb: un pestaggio da detenuti ogni 90 minuti. Obbligo telecamera su divisa

ROMA – Come deterrente agli episodi di violenza nelle carceri gli agenti della polizia penitenziaria inglese e del Galles, indosseranno una telecamera da divisa.  Le aggressioni agli agenti di polizia penitenziaria, sono ormai in media uno ogni 90 minuti e Liz Truss, ministro della Giustizia inglese, ha annunciato che ogni agente indosserà una telecamera nel tentativo di fermare la violenza nelle carceri.

E aggiunge che il dispositivo, della grandezza di un pacchetto di sigarette, dovrebbe scoraggiare i detenuti alle aggressioni poiché il filmato sarebbe la prova schiacciante. La telecamera, scrive il MailOnline garantirebbe inoltre, una diminuzione di denunce da parte degli indagati e un comportamento adeguato da parte degli agenti.

In soli sei anni, i risarcimenti a detenuti e agenti, hanno raggiunto un totale di quasi 100 milioni di sterline. Sono state pagate somme enormi a detenuti che hanno affermato di essere stati feriti e ad agenti aggrediti. Nel 2016, a marzo, sono stati pagati 19 milioni di sterline, il doppio dei 9.8 del 2010-11.

Da un libro bianco che illustra le riforme di punta, emerge che le aggressioni contro gli agenti di polizia penitenziaria, sono in aumento e in numero più alto mai registrato.  In un discorso, la Truss ha affermato che “è il momento di invertire la tendenza” e tra le misure chiave ci sono 2.500 nuovi agenti e un extra di 104 milioni di sterline per alleviare “la pressione nelle carceri e rafforzare la sicurezza”.

Steve Gillan, della Prison Officers Association (POA), ha detto che l’adeguamento del personale carceriario è necessario affinché le carceri non si trasformino in “bagni di sangue”.  Il numero degli agenti, dal 2010 con l’agenda dell’austerità, era sceso a 7.000 e afferma:”il Governo ha scatenato il problema, hanno fatto tagli al personale. Hanno preso così tanto denaro dal sistema, che il sistema si è rotto”. “Non staremo a guardare i nostri agenti che quotidianamente si trasformano in sacchi da boxe”.