Blitz quotidiano
powered by aruba

Gabriele Defilippi, crisi di pianto durante interrogatorio

TORINO – Gabriele Defilippi, crisi di pianto durante interrogatorio. Gabriele Defilippi, il giovane in carcere dallo scorso 19 febbraio per l’omicidio dell’insegnante di Castellamonte Gloria Rosboch, è stato colto da una crisi di pianto nelle ultime battute dell’interrogatorio davanti al procuratore di Ivrea Giuseppe Ferrando. Dopo una breve pausa, l’audizione si è conclusa regolarmente e Defilippi, assistito dall’avvocato Pierfranco Bertolino, è stato riconvocato per il 31 marzo.

“Ci sono ancora aspetti da chiarire sia per la truffa che per l’omicidio – ha detto Ferrando, che ha secretato gli atti dell’interrogatorio – e l’audizione odierna ha permesso di aprire alcune parentesi che andranno ulteriormente definite”..

L’interrogatorio durato sette ore e poi secretato. Si è concluso dopo sette ore l’interrogatorio avanti al procuratore di Ivrea Giuseppe Ferrando di Defilippi,in carcere dallo scorso 19 febbraio per l’omicidio dell’insegnante di Castellamonte Gloria Rosboch. Il contenuto dell’audizione, chiesta dall’ex allievo, è stato secretato, come la scorsa settimana per l’interrogatorio di Roberto Obert, il complice-amante in carcere per lo stesso delitto.    Il giovane tornerà davanti agli inquirenti il prossimo 31 marzo. Non sono invece in programma nuove audizioni per Caterina Abbattista, la madre di Defilippi, arrestata per concorso in omicidio e detenuta come il figlio alle Vallette di Torino.

Immagine 1 di 9
  • Gabriele Defilippi, crisi di pianto durante interrogatorio
Immagine 1 di 9