Blitz quotidiano
powered by aruba

Pisa: fermato terrorista tunisino. Voleva far saltare Torre e aeroporto

PISA – E’ stato fermato a Pisa un tunisino di 26 anni, Bilel Chihaoui: secondo gli investigatori il rischio è che volesse far saltare la Torre di Pisa, l’aeroporto e un supermercato. Il tunisino era da tempo nel mirino dei carabinieri del Ros di Torino e dei nuclei investigativo e informativo di Pisa. Il giovane da settimane avrebbe usato il web per inneggiare all’Isis e al compimento di attentati, postando anche la torre pendente e altri monumento della città toscana. La notizia è stata pubblicata sul quotidiano La Nazione.

Secondo quanto si è appreso, il nordafricano è stato fermato ieri dopo essere arrivato in città dal Piemonte. Chihaoui si trova tutt’ora nella caserma del comando provinciale pisano in attesa di provvedimenti da parte della autorità italiane per lui infatti è stato chiesto al ministro Angelino Alfano un immediato decreto di espulsione dal territorio nazionale.

Il tunisino di 26 anni, Bilel Chiahoui, fermato ieri a Pisa e che inneggiava all’Isis era da tempo seguito dal Ros di Torino che ne monitorava l’attività su Facebook, dove proprio ieri aveva postato un messaggio allarmante nel quale annunciava la sua morte come martire compiendo un attentato in città. I carabinieri lo hanno trovato e preso nel giro di 8 ore, rintracciandolo in un’area boschiva dove si era rifugiato. Il nordafricano, già noto agli investigatori pisani come pusher, aveva postato anche un lungo elenco di terroristi dell’Isis che avevano scelto il martirio compiendo attentati e il suo era l’ultimo nome iscritto nella lista.