Blitz quotidiano
powered by aruba

Profugo bimbo Messi: il vero Messi commosso lo cerca FOTO

Profugo bimbo siriano è stato fotografato su una spiaggia turca con una finta pettorina che raffigura la maglia dell'Argentina. Sul dorso c'è scritto Messi. Ora il calciatore e la rete cercano il bimbo.

ROMA – Un profugo bimbo siriano è stato fotografato su una spiaggia turca con una finta pettorina che raffigura la maglia dell’Argentina. Sul dorso c’è scritto Messi.  Il piccolo, essendo scappato dalla propria terra prova a passare il tempo così dato che non ha una patria, una casa e non è ancora rifugiato. L’unico suo punto di riferimento sembra essere Messi.

Il bambino decide così di tagliare un sacchetto di plastica e di disegnarci le strisce dell’Argentina. Poi sopra ci scrive il nome del Pallone d’oro e la indossa come fosse una pettorina o il documento di riconoscimento che non possiede. Qualcuno lo fotografa con quei nodi di plastica che tirano sul maglione pesante.

Il vero Messi ha visto la foto del piccolo profugo Messi diventata virale e vuole sapere chi è per regalargli una vera maglietta. Anche la rete lo cerca e a quanto pare lo ha incontrato. Almeno così racconta un account di Twitter che racconta di essere in contatto con Messi.

Come racconta La Stampa, il profugo Messi

“Di sicuro non è il solo ragazzino in difficoltà, di certo non è l’unico che si appende a Leo Messi per credere ancora nei sogni, però quella maglia non riciclabile usata come seconda pelle è un grido che si sente. Buca la disperazione. Viaggia per il mondo con la stessa rapidità di una magia del Messi reale. E forse il Messi di plastica cercava proprio questo: una magia per sperare nel futuro”.

Immagine 1 di 7
  • Messi, sputi da ultra River Plate a Tokyo, quasi rissa. FOTO
  • Leo Messi
  • Messi nella foto LaPresse
  • Leo Messi (foto Ansa)
  • Coppa America, Leo Messi rifiuta il titolo di miglior giocatore
  • Messi nella foto LaPresse
Immagine 1 di 7