Fenomenologia della critica di Wikileaks

Pubblicato il 27 luglio 2010 10:06 | Ultimo aggiornamento: 27 luglio 2010 10:06

Accennava Marco (nei commenti a un post precedente) all’opinione secondo cui su Wikileaks vengono fuori informazioni che indeboliscono i paesi democratici nella loro guerra contro i paesi autoritari. Nel frattempo è saltata fuori una delle più grandi fughe di documenti segreti della storia: e tra gli americani alcuni hanno detto che Wikileaks indebolisce la posizione delle democrazie occidentali in Afghanistan.

Non è molto diverso dai tempi della guerra del Vietnam, quando i documenti segreti del Pentagono uscivano su Washington Post e New York Times. Salvo per un punto: gli occidentali non sono più tanto sicuri che questi documenti debbano venire fuori e tra loro si stanno insinuando i sostenitori dell’idea secondo la quale c’è fin troppa libertà di stampa.

Si ha l’impressione che se ci sono regole democratiche sul modo in cui una democrazia fa la guerra e se quelle regole sono disattese, è bene che il fatto venga fuori. Questo può indebolire la (già debole) posizione militare, ma rafforza la democrazia: alla lunga, paradossalmente, rafforzando la democrazia, rafforza il senso e la motivazione della guerra, dunque potrebbe addirittura favorire la vittoria.

(Ah: si scopre che devo scrivere intorno a questi argomenti sul giornale per domani… Vista la complessità del soggetto, i suggerimenti e i commenti sono molto ben accetti).


Leggi l’articolo originale su: Luca De Biase