Pd, Enrico Letta: Colle per noi stimolo, Idv non vuole governare

Pubblicato il 6 Maggio 2011 - 10:03 OLTRE 6 MESI FA

ROMA – Le parole del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sul centrosinistra sono ''da cogliere con grande soddisfazione. Quelle frasi rappresentano il dna, la sintassi del Pd, io le condivido appieno. Bersani ha sempre definito il Pd un partito di governo momentaneamente all'opposizione''. E' quanto afferma all'Unita' il vicesegretario del Pd Enrico Letta secondo cui ''Di Pietro dal caso Napoli alla Libia, dimostra di avere poca voglia di governare, sembra che stia molto meglio all'opposizione di Berlusconi''. Sul rimpasto di governo, Letta osserva che ''il premier ha la capacita' di comprare tutto'' ma ''sembra Mubarak che nomina nuovi ministri la settimana prima di uscire di scena''. Per quanto riguarda le alleanze col Sel di Vendola, Letta afferma: ''Queste elezioni sono un banco di prova importante per verificare la possibilita' di governare insieme a Vendola'' mentre, aggiunge prospettando la fine del bipolarismo, ''la presenza del Terzo polo portera' molte citta' ai ballottaggi. Dobbiamo prepararci a una campagna lunga''. Intervistato anche dal Mattino, Letta sottolinea che ''a Napoli le promesse di Berlusconi hanno avuto i risultati che tutti vedono: siamo alle solite''. In particolare sul tema dei rifiuti, l'esponente del Pd afferma: ''Anche qui ci risiamo: scarica le colpe su altri. Il problema invece e' proprio una seria assunzione di responsabilita', smettendola con i fuochi d'artificio. Mancava solo che annunciasse di aver comprato casa a Scampia e poi eravamo nello spirito Lampedusa''.