Trapianto d’organi/ A Singapore polemica sulla compravendita legale da donatori vivi

Pubblicato il 25 Marzo 2009 11:15 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2009 11:15

A Singapore si dibatte da tempo sulla compravendita legale degli organi con donatore ancora in vita. Gli oppositori però temono che la legge possa attirare, anche dall’estero,  persone indebitate disposte a tutto. Il problema non è dunque l’aspetto morale della faccenda, ma un puro calcolo razzista.

La legge attuale non permette al donatore vivente di ricevere denaro in cambio dell’organo, ma il governo di Singapore ha proposto emendamenti legislativi per ammettere compensi finanziari ai donatori di reni. Favorevole il ministro della Salute, Khaw Boon Wan: “In molti Peasi, come gli Usa, è già previsto un rimborso per chi dona”.

Nell’ultimo anno a Singapore 26 persone sono morte nell’attesa di un organo.