Codacons: “Bandiere blu? Premiare le spiagge convenienti”

Pubblicato il 14 Maggio 2012 19:11 | Ultimo aggiornamento: 14 Maggio 2012 21:11

ROMA, 14 MAG – Introdurre anche l'aspetto economico tra i criteri per l'assegnazione delle Bandiere Blu: questo l' appello che il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, rivolge alla Fondazione per l'educazione ambientale (Fee) che assegna il riconoscimento. ''A nostro avviso – spiega Rienzi in una nota – tra i criteri seguiti per l'individuazione di quelle spiagge che ricevono l' ambita Bandiera blu, e' necessario introdurre anche l'aspetto economico, ossia i prezzi per i vari servizi praticati presso le singole spiagge monitorate.

Infatti non basta valutare la pulizia delle acque, il rispetto dell'ambiente, la presenza di strutture adeguate eccetera, ma serve anche valutare quali tariffe siano applicate sulla battigia, quali i prezzi di lettini, ombrelloni, cabine e le tariffe praticate dai vari stabilimenti balneari''. ''Quest'anno infatti una giornata al mare costera' addirittura il 15% in piu' rispetto allo scorso anno. Per tale motivo – conclude Rienzi – invitiamo la Fee a premiare le spiagge italiane che applicano tariffe economiche e convenienti per i bagnanti, inserendo i listini prezzi come elemento di valutazione dell'assegnazione delle Bandiere Blu''. .