YOUTUBE Gaspare Galasso, re delle imbucate: da Napoli a Real

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 maggio 2016 11:59 | Ultimo aggiornamento: 31 maggio 2016 11:59
YOUTUBE Gaspare Galasso, re delle imbucate: da Napoli a Real

Gaspare Galasso, re delle imbucate: da Napoli a Real

ROMA – Si chiama Gaspare Galasso ma tutti lo conoscono come il “re delle imbucate“. E’ tornato alla ribalta sabato 28 maggio 2016, quando è riuscito a imbucarsi durante la premiazione della Champions League e a finire proprio dietro Sergio Ramos (capitano del Real Madrid) nel momento in cui sollevava la coppa. Ma quella di San Siro è solo l’ultima delle apparizioni improvvisate da Galasso.

Racconta il sito I Love Palermo Calcio:

Gaspare Galasso, palermitano e tifoso rosanero, che ormai da qualche anno ha raggiunto la notorietà sul web entrando negli stadi senza biglietto e documentando con la telecamera, azioni che gli sono valse l’appellativo di “re delle imbucate”. Galasso ha iniziato la sua “attività” proprio allo stadio Renzo Barbera fingendosi un giocatore della Primavera e riuscendo così ad entrare indisturbato in tribuna, per poi proseguire su palcoscenici più importanti come lo stadio Olimpico di Roma in occasione della finale di Coppa Italia 2012, quando festeggiò insieme al Napoli per la vittoria del trofeo. Sabato scorso, l’impresa clamorosa: l’imbucata a San Siro in occasione della finale di Champions.

Ormai Galasso è così famoso che il giornale sportivo spagnolo As lo ha intervistato, come riporta Today Sport:

5 x 1000

“Ho anche sollevato la Coppa Italia con il Napoli nel 2012 – rivela lui -, sono andato nella zona vip dell’Emirates (lo stadio dell’Arsenal ndr) a Londra. Mai finora in una finale di Champions”

Allora come ha fatto a entrare? Molto semplice. Ha comprato un nastro del genere che avevano i giornalisti e gli ospiti e lo ha coperto per metà una giacca elegante. Tutti pensavano che fosse un accredito, invece era un falso: “Ho detto allo steward: A me chiedi il biglietto? E lui si è scusato”. Foto e video – continua il giornale spagnolo – testimoniano che può ha mentito: ha visto una parte della partita accanto a Florentino e poi ha deciso di sollevare la Coppa: “Ho tagliato uno scudetto del Real Madrid e l’ho messo sulla giacca – svela Gaspare Galasso – lo mettevo e lo toglievo a seconda della situazione. Per alzare la Champions l’ho tirato fuori perché in quel momento ho deciso di essere il capo della sicurezza. Ho detto agli steward dove si dovevano mettere, poi mi hanno ignorato e sono andato con i giocatori”.

Questo è invece quello che ha scritto lo stesso Galasso su Facebook dopo la finale di Champions:

Finalmente a distanza di anni mi sono preso la mia grande rivincita!
Fregato dalle iene che dopo aver avuto contatti con me mi avevano rubato l’idea dell’infiltrato lanciando Stefano corti e liquidando me dicendomi “bellissima idea ma non ci permette di realizzare una serie di servizi quindi niente!
Due settimane dopo quelle famose conversazioni che avevo postato nascevano i servizi dell’infiltrato ,mandato alle partite di pallanuoto e partitelle di rugby,seguito dalle videocamere del programma!

Poi sono spuntati Pio&Amedeo che onestamente faranno ridere sono due bravi ragazzi ma non possono competere con me sotto questo punto di vista e gliel’ho detto anche al campo però non mi hanno capito !
Io però ho sempre creduto in me perché so perfettamente che ero stato sfortunato in questo mondo di merda pieno di raccomandazioni e che se non avessi fatto un gran colpo non si sarebbe parlato di me perché non ero nessuno rispetto alle grandi “forze del web” quindi ho deciso di andare oltre;basta più fare il finto giocatore andiamo più in alto così ho deciso di vestirmi per bene con un finto pass, una piccola spilla è una bella faccia di culo!

Morale della favola
Pio e Amedeo dietro il cordone a fare le foto ,il grande infiltrato delle iene a casa e Gaspare Galasso era lì presente a comandare dentro San Siro punto!
Non voglio sembrare ne’ fenomeno ne’ arrogante ma so io quanto rosicavo a vedere l’infiltrato delle iene che entrava nel palazzetto dello sport seguito dal cameraman e io che rischiavo il mio culo essendo obiettivamente superiore e affrontavo spese continue senza ottenere nemmeno una chiamata.
Questo video è la dimostrazione che faccio tutto solo che rischio il mio culo e che non mi ha mai aiutato nessuno !

FOTO FACEBOOK