Gasdotto SouthStream, ripicca della Bulgaria all’Ue: stop alla costruzione

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Giugno 2014 20:06 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2014 20:06

Gasdotto SouthStream, ripicca della Bulgaria all'Ue: stop alla costruzione ROMA – SouthStream, questo gasdotto non s’ha da fare: la Bulgaria ha annunciato lo stop ai lavori dell’impianto destinato a portare il gas russo direttamente in Italia.

“Ho ordinato di fermare i lavori. Decideremo sul da farsi in funzione dei colloqui che avremo con Bruxelles”, ha dichiarato il primo ministro bulgaro, Plamen Orecharski, dopo le critiche arrivate da Ue e Usa.

Nel giorni scorsi il presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, aveva aperto una procedura d’infrazione contro la Bulgaria per irregolarità negli appalti relativi a South Stream.

Spiega il presidente di Nomisma Energia, Davide Tabarelli sulla Stampa:

“Le regole di cui Bruxelles pretende il rispetto riguardano il fatto che in Bulgaria tutti i lavori sono stati affidati a imprese bulgare o russe, e questo in Bulgaria, che è parte dell’Unone europea, non si può fare, le gare devono essere aperte a tutte le aziende europee su una base di parità. Ma il problema specifico degli appalti si inserisce anche in un contenzioso più vasto e di più lunga data sull’uso futuro del South Stream”.

La faccenda è complicata: il contenzioso riguarda l’uso del gasdotto che secondo le regole Ue dovrebbe essere aperto a tutti, mentre Gazprom vorrebbe riservarlo a suo metano. La Bulgaria e altri Paesi dell’Est sostengono le posizioni russe.