Twitter “farà la spia” sugli utenti che hanno violato le super-injunctions

Pubblicato il 27 Maggio 2011 8:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2011 23:01

LONDRA – Twitter non “proteggerà” gli utenti che hanno violato i divieti previsti dalle super-ingiunzioni inglesi, ma anzi fornirà informazioni su di loro alle autorità se sarà “legalmente necessario”.

Ad annunciarlo è stato il boss europeo del sito di micro-blogging, Tony Wang, avvisando che chi ha “cinguettato” troppo violando la privacy delle star potrebbe finire in tribunale.

Twitter ha, inoltre, precisato che prima di girare qualunque informazione alla polizia, avvertirà gli utenti interessati.

La reazione di Wang fa seguito alla causa intentata dal calciatore Ryan Giggs contro il sito, dopo che circa 75 mila utenti avevano diffuso notizie sulla sua richiesta di ingiunzione per nascondere una storia di tradimenti con l’ex concorrente del Grande Fratello inglese, Imogen Thomas.

L’avvocato Mark Stephens è però scettico sulla possibilità di fermare i social media: “Succederà che la gente, per violare le super-ingiunzioni, utilizzerà account anonimi e internet-cafè. E le autorità non potranno fare molo perché non avranno idea di chi siano. È come cercare di fermare la pioggia. Finché ci sarà l’anonimato saranno protetti”.