A 180 km/h sull’autostrada: cercano di corrompere gli agenti, denunciati

Pubblicato il 22 Dicembre 2012 16:08 | Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre 2012 18:21
A 180 km/h sull'autostrada, cercano di corrompere gli agenti

Polizia stradale

SIENA, 22 DIC – Stavano viaggiando a 183 km/h sulla Siena-Bettolle, dove il limite è 110, e non si sono fermati all’alt della polizia stradale di Siena. Una volta raggiunti dalla pattuglia, hanno tentato di corrompere i poliziotti. Per questo padre e figlio sono stati denunciati. Gli agenti del distaccamento di Montepulciano stavano svolgendo un servizio con il Telelaser, a Sinalunga, quando è sfrecciata un’Audi Q5.

I poliziotti hanno intimato l’alt al conducente che, però, si è fermato dopo circa un chilometro, dopo essere stato inseguito da una pattuglia.

Il conducente e un passeggero, padre e figlio, hanno anche offerto agli agenti del denaro, ma sono stati denunciati per tentata corruzione. In quel momento il terzo passeggero, che è lo zio, ha iniziato ad accusare un piccolo malore dovuto a una patologia congenita: i tre sono stati accompagnati all’Ospedale di Nottola.