Alvin Berisha tornerà in Italia ma… a Barzago non si trova più il padre

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 Novembre 2019 13:10 | Ultimo aggiornamento: 7 Novembre 2019 18:30
Alvin Berisha tornerà in italia ma... a Barzago non si trova più il padre

Alvin Berisha tornerà in italia ma… a Barzago non si trova più il padre (Foto Ansa)

ROMA – Non si trovano in questo momento a Barzago in provincia di Lecco, i familiari di Alvin Berisha, il bambino di 11 anni trovato in un campo profughi in Siria, dopo che la madre, una foreign fighter, l’aveva rapito nel 2014. Anche il sindaco del piccolo comune lombardo, Mirko Ceroli, ha provato a mettersi in contatto con il padre, Afrim, ma in questi giorni non lo ha potuto raggiungere: “Ho percepito che non si trova in questo momento nel nostro Comune e che anche lui sta attendendo indicazioni”, ha aggiunto il primo cittadino, conversando con l’AGI.

Il bambino, nel frattempo, è stato portato dalla Farnesina, e dai poliziotti e carabinieri che hanno eseguito l’operazione, all’ambasciata italiana in Libano. Il padre, muratore di origine albanese ma da vent’anni nel Lecchese ha altre due figlie adolescenti, una di 14 (M.) e una di 16 anni, che sono in questo momento con lui. La famiglia abita in una casa popolare non lontano dal centro piccolo paesino, di 2 mila abitanti.

Alvin Berisha è ferito gravemente ad un piede, e “dovrà quindi affrontare delle cure mediche” prima di poter tornare nel suo comune in provincia di Lecco, Barzago. A riferirlo all’AGI è lo stesso sindaco, Mirko Ceroli, che da tempo è attivo sulla vicenda, “come d’altra parte tutta la comunità, che con varie manifestazioni di solidarietà ha mostrato la sua vicinanza alla famiglia”. (Fonte Agi).