Botti di Capodanno, il sindaco di Bari vuole una legge-divieto nazionale

Pubblicato il 4 Gennaio 2012 15:15 | Ultimo aggiornamento: 4 Gennaio 2012 15:18

BARI, 4 GEN – Il sindaco di Bari, Michele Emiliano, promuovera', chiedendo l'aiuto di tutti i parlamentari pugliesi, un disegno di legge nazionale ''che vieti lo sparo privato di fuochi d'artificio e che limiti la possibilita' di esploderli in apposite zone che dovranno essere autorizzate dal questore''. Lo ha annunciato oggi, incontrando i giornalisti per fare un bilancio dei risultati conseguiti dopo l'ordinanza emanata quest'anno con la quale ha vietato l'esplosione di fuochi pirici la notte di capodanno, pena una sanzione pecuniaria. Una ordinanza che, per Emiliano, e' stata rispettata dalla maggioranza dei baresi mentre e' stata ignorata dalla criminalita' organizzata che ''cosi', da sempre, manifesta la sua forza''.

''La notte di capodanno – ha detto il sindaco di Bari – sono state sparate solo categorie di fuochi di artificio non autorizzate, quelle che sarebbero state comunque illegali. Mentre dai balconi della citta' lo sparo privato e' stato infinitesimale rispetto al passato''. Ma ora – ha aggiunto – ''e' evidente che questa specie di patto non scritto tra Stato e camorra e' finito: la camorra non potra' sparare nemmeno a capodanno, almeno fino a quando saro' il sindaco di questa citta'''.

''Io – ha spiegato – ho avuto il coraggio di dirlo, supportato da migliaia di cittadini che capiscono il significato dello sparo della camorra; lo stesso per cui i picciotti, il giorno dopo, camminano fieri per le strade della citta' dicendo 'avete visto cosa abbiamo combinato''''. Emiliano ha sottolineato poi come l'ordinanza, che deve avere carattere di urgenza e contingenza, sia l'unico strumento a disposizione del sindaco per impedire che ''il giorno dopo gli spari ci sia un afflusso di centinaia di feriti al pronto soccorso'': ''Se non l'avessi fatta – ha detto – oggi staremmo qui a parlare del perche' il sindaco si e' schierato con la parte pro-spari. Mentre io, a differenza del sindaco di Firenze, Renzi, non credo che le ordinanze non servano a nulla''. Invece – ha proseguito – ''a Bari l'ordinanza e' servita a non avere nessuna notizia di feriti. E' la prima volta che accade''.

Quanto alle multe da comminare ai trasgressori, Emiliano ha spiegato che ''le fotografie scattate sono ora al vaglio della polizia municipale che sta individuando i responsabili''. Infine, tra le proposte che Emiliano sta studiando, c'e' anche quella di ''uno spettacolo pirotecnico organizzato dal Comune, cosi' come accade nelle piu' grandi citta' europee''.