Casale Monferrato, il presidente Pd Davide Sandalo arrestato

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2015 22:42 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2015 22:44
Casale Monferrato, il presidente Pd Davide Sandalo arrestato

Casale Monferrato, il presidente Pd Davide Sandalo arrestato

ALESSANDRIA – Davide Sandalo, noto esponente del Pd con numerosi incarichi alle spalle e fino alla scorsa settimana presidente del Consiglio comunale di Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, è stato arrestato. Si era dimesso lo scorso 27 novembre, quando è stato raggiunto dall’avviso di garanzia. Sandalo è accusato di induzione indebita e istigazione alla corruzione. In manette è finito anche Ubaldo Omodeo Zorini, un amico di Sandalo, arrestato mentre incassava una tangente di 5mila euro in contanti.

“Per il rispetto che porto per l’istituzione che ho l’onore di presiedere – aveva detto Sandalo al momento delle dimissioni – ritengo doveroso rassegnare le mie dimissioni anche se, con fermezza e coscienza, rivendico la correttezza del mio comportamento”.

Al centro dell’inchiesta ci sarebbe un appalto per l’aggiudicazione dei servizi scolastici comunali, per la quale, secondo la denuncia di una società cooperativa, gli indagati avrebbero avanzato richieste in denaro. Le stesse fatte promettendo l’assegnazione di un altro bando, di prossima pubblicazione, del valore più che milionario. Le “precise e articolate” dichiarazioni rilasciate agli inquirenti dalla cooperativa, troverebbero inoltre conferma nelle intercettazioni, telefoniche e ambientali, dalle quali emergerebbe, secondo la Finanza, “la mercificazione della funzione pubblica istituzionale da parte degli indagati”.

“L’arresto di Sandalo (che si trova ai domiciliari, ndr) mi lascia molto stupita”, commenta Titti Palazzetti, sindaco di Casale Monferrato, la cittadina in provincia di Alessandria già tristemente nota per la tragedia dell’Eternit e la battaglia contro l’amianto. “Sandalo fa politica da sempre – ha detto il sindaco – è stato più volte assessore, vicesindaco di Casale e ha avuto anche importanti incarichi in provincia. Ho apprezzato la sua decisione di dimettersi, la scorsa settimana; ora spero che la magistratura faccia al più presto chiarezza su questa vicenda”.

Ma è polemica con gli altri partiti, in primis con Forza Italia che ha chiesto, e ottenuto, la convocazione d’urgenza dei capigruppo. Duro anche il Movimento 5 Stelle, con Sandalo finito agli onori del glob di Beppe Grillo, nella rubrica “L’#ArrestatoPd del giorno”. Non siamo disposti a tollerare tentennamenti o distinguo di sorta, quando prenderà il via il processo su questa vicenda: pretendiamo la costituzione di parte civile del Comune di Casale Monferrato”, dicono Giuseppe Ferrigno e Paolo Mighetti, rispettivamente consigliere comunale di Casale e consigliere regionale M5s.