Comandante scomparso dal cargo Msc, trovate tracce di sangue sulla nave

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 ottobre 2017 8:05 | Ultimo aggiornamento: 28 ottobre 2017 1:32
comandante-scomparso-sangue

Comandante scomparso dal cargo Msc, trovate tracce di sangue sulla nave

GENOVA – Novità nelle indagini sulla scomparsa di Juri Kharytonov, il comandante ucraino del cargo Msc Giannina sparito nella notte tra giovedì e venerdì 20 ottobre, dopo il turno al timone della nave.

L’esame del luminol effettuato dalla polizia scientifica ha rivelato alcune macchie sospette, forse tracce di sangue, su due pontili e in altri angoli del cargo.

Gli accertamenti tecnici, spiega il Secolo XIX, sono stati svolti di notte dalla polizia scientifica perché solo al buio si possono scorgere le fluorescenze evidenziate dal luminol, una sostanza in grado di identificare la parte ferrosa del sangue anche una volta lavata.

I responsi di questi esami e una serie di altri rilievi scientifici comparati con i Dna di tutti i componenti dell’equipaggio potrebbero fornire entro pochi giorni una svolta all’indagine, condotto da squadra mobile, polizia di frontiera e capitaneria. Al momento non è esclusa nessuna ipotesi, neppure quella dell’omicidio.

Sulla nave ancorata al Vte di Voltri è stato anche portato un cane cercapersone del nucleo cinofili della polizia, che però non ha trovato nullla.

Il capitano, 54 anni, è scomparso fra le 19 di giovedì e le 4 di venerdì dopo il turno al timone della nave. La Giannina è lunga 182 metri e larga 26.