--

Emilio Fede arriva con 2,5 mln, ma la Svizzera li rifiuta. Lui: “Falso”

Pubblicato il 27 Marzo 2012 8:45 | Ultimo aggiornamento: 27 Marzo 2012 13:29

Emilio Fede (Lapresse)

ROMA – La Svizzera che rifiuta i soldi di Emilio Fede che voleva depositare su un conto due milioni e mezzo in contanti. Ma i funzionari di banca avrebbero rifiutato di accettare l’operazione, non avendo garanzie sulla provenienza dei soldi. Una vicenda sulla quale hanno avviato verifiche l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza. Come scrive Fiorenza Sarzanini per il Corriere della Sera dunque, protagonista è il direttore del Tg4 Emilio Fede, già indagato per favoreggiamento della prostituzione per le feste organizzate nelle residenze dell’ex capo del governo Silvio Berlusconi e per concorso in bancarotta fraudolenta dalla magistratura milanese con l’agente dello spettacolo Lele Mora.

La segnalazione è arrivata in Italia alla fine dello scorso gennaio. A chiedere l’intervento delle autorità di controllo è stato un dipendente della banca che evidenzia un episodio risalente alla fine di dicembre, circa tre mesi fa. Nella denuncia racconta che Emilio Fede, accompagnato in macchina da un’altra persona, si è presentato presso la filiale dell’istituto di credito di Lugano con la valigetta piena di contanti, ma che è dovuto rientrare in Italia perché i responsabili della banca “non hanno ritenuto opportuno accettare la somma”. Una decisione presa, presumibilmente, tenendo conto dei problemi avuti in precedenza con i magistrati italiani e della necessità di fornire spiegazioni.

Nonostante le autorità svizzere abbiano sempre assicurato la massima collaborazione in ambito giudiziario, gli istituti di credito preferiscono mantenere alto il livello di riservatezza per proteggere i propri clienti. In passato Emilio Fede aveva sostenuto che ad occuparsi del suo conto era una sua amante cubana che era stata incaricata di prelevare la somma e portarla in Italia. Una versione ritenuta “non credibile” dai magistrati.

“E’ totalmente falsa, inventata di sana pianta. Qualcuno ha inventato tutto questo, mi fa orrore e anche paura che si possa arrivare a inventare una cosa del genere”. Emilio Fede replica piccato alla notizia. “Sono di fronte a qualcuno che ha inventato la notizia con uno scopo, a me molto evidente. Non è possibile che io, avendo già i problemi che avevo, mi sarei presentato in giro per la Svizzera con una valigetta piena di contanti. E’ un falso organizzato. Qualcuno ha agito contro di me, per conto di qualche altro, si torna alla carica per mettermi in difficoltà e convicermi a lasciare la direzione del Tg4. E’ un falso che per me ha nome e cognome”, aggiunge Fede che non vuole esplicitare a chi si riferisca.