Ercolano (Napoli): funerali blindati per Salvio, il neomelodico ucciso

Pubblicato il 17 Novembre 2009 - 20:02 OLTRE 6 MESI FA

Salvatore Barbaro, il cantante neomelodico ucciso ad Ercolano

Si sono tenuti in forma strettamente privata i funerali di Salvatore Barbaro, cantante neomelodico morto ad Ercolano (Napoli) il 13 novembre: Barbaro, 29 anni, è stato ucciso a colpi di pistola in via Mare.

Le esequie sono state celebrate al cimitero di Portici, dove amici, congiunti e conoscenti hanno più volte chiesto, affranti, il perché di una morte inspiegabile.

Infatti restano aperte tutte le piste per la morte del cantante incensurato: i carabinieri indagano in tutte le direzioni mentre in queste ore continuano ad ascoltare i parenti della vittima alla ricerca di indizi utili.

Salvatore Barbaro, detto Salvio, era conosciuto dagli amici come una brava persona, solare e sempre disponibile. Tra un mese, a detta di alcuni amici, avrebbe dovuto sposarsi e si sarebbe stabilito in un appartamento di via Trentola a Ercolano.

In via Libertà, dove Barbaro lavorava in una salumeria, sono stati apposti striscioni con su scritto “Musica sarai nei nostri cuori” e “Salvio, il tuo ricordo resterà nei nostri cuorì con accanto lumini e fasci di fiori”.

Commenti e messaggi di cordoglio si susseguono anche su Facebook dove sono nati due gruppi: “Per tutti coloro che Salvatore Barbaro detto Salvio lo porteranno nel cuore” e “Il sole della IV traversa a destra di via Libertà vive”.