Evasione fiscale a Pordenone: scoperte transazioni irregolari per 2,6 milioni

Pubblicato il 21 Agosto 2010 1:14 | Ultimo aggiornamento: 21 Agosto 2010 9:26

Ammontano ad oltre 2,6 milioni di euro le operazioni finanziarie irregolari scoperte dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Pordenone. Le Fiamme Gialle, agendo di propria iniziativa e sulla base di ”segnalazioni di operazioni sospette” giunte da banche, intermediari finanziari, revisori contabili e altri soggetti vincolati agli obblighi antiriciclaggio, hanno infatti individuato complessivamente 19 persone, che hanno operato prelevamenti o versamenti di denaro contante per importi rilevanti, anche facendo ricorso ad artificiosi frazionamenti degli importi da trasferire, con il fine di eludere gli obblighi di identificazione e registrazione che scattavano al di sopra della soglia di 12.500 euro.

La irregolare movimentazione di capitali e’ risultata spesso collegata a fenomeni di evasione fiscale. Ai soggetti che hanno disatteso la normativa antiriciclaggio, sono state applicate le sanzioni sino al 40% dell’importo delle operazioni effettuate eccedenti la soglia di legge.