Gianluca Calignano: “Costretto a emigrare perché gay. In Puglia mi hanno bruciato casa”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Ottobre 2013 17:29 | Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre 2013 17:30
Gianluca Calignano: "Costretto a emigrare perché gay. In Puglia mi hanno bruciato casa"

Tuturano, frazione di Brindisi

BRINDISI – “Costretto a emigrare perché gay. In Puglia mi hanno bruciato casa”. Gianluca Calignano, 29 anni, lancia un grido di dolore e al contempo una richiesta di aiuto.

E’ nato a Brindisi, ha sempre vissuto in un complesso di case popolari a Tuturano, piccola frazione del capoluogo e da tempo, a quanto racconta, ha subito minacce, insulti, anche intimidazioni, da persone non identificate ma che ritiene siano del posto. L’ultima, qualche giorno fa, quando qualcuno ha appiccato le fiamme all’interno dello scantinato di sua proprietà.

Calignano da due mesi vive in Germania, dove ha un lavoro part-time con un contratto dalla durata di pochi mesi: “Ho paura di tornare in Puglia” racconta all’ANSA.

Nei mesi scorsi erano apparse delle scritte omofobe sui muri della sua abitazione. Gli hanno tagliato ripetutamente gli pneumatici dell’auto, gli hanno intimato di lasciare il paese perché “a Tuturano non c’è spazio per i gay”.

Ora Gianluca chiede aiuto: “A marzo – dice – il sindaco di Brindisi mi aveva promesso che mi avrebbe assegnato un alloggio popolare lontano da Tuturano, ma non ha mai dato seguito all’impegno. Ora vivo fuori, ma dovrò tornare. E ho paura”.