Ilva, cancelli chiusi: scatta lo sciopero a oltranza

Pubblicato il 17 Gennaio 2013 21:42 | Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2013 21:47

TARANTO  – Sciopero a oltranza per protestare contro “la situazione di incertezza” dell’Ilva. Lo ha deciso la Fim-Cisl di Tarantoa partire dalle ore 14 di giovedì 17 gennaio.

In una nota la Fim definisce ”inspiegabile” la decisione dell’azienda di ”chiudere i varchi saldando anelli e montando pannelli alle porte impedendo ai lavoratori in caso di evacuazione dallo stabilimento di avere la possibilità di accedere a una rapida via di fuga”.

”L’acuirsi di una situazione così confusa e poco chiara – prosegue la nota – viene aggravata da una manifestata mancanza di decisione da parte dell’azienda di esprimersi sul futuro dello stabilimento di Taranto”. La Fim definisce infine ”ingiustificabile da parte dell’azienda la mancanza di volontà nel dare atto alla legge 231 e alla conseguente applicazione delle misure contenute nell’Aia”. La Fim-Cisl ha diffuso la nota dopo una riunione dei sindacati con l’azienda.