Massoneria aperta: convegno con crediti formativi a studenti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Ottobre 2015 15:57 | Ultimo aggiornamento: 23 Ottobre 2015 15:57
Massoneria aperta: convegno con crediti formativi a studenti

Massoneria aperta: convegno con crediti formativi a studenti

GENOVA – La massoneria abbandona la segretezza e, per un giorno, apre le porte dei suoi segreti agli studenti di Filosofia di Genova. Lo fa con un convegno organizzato all’Hotel Bristol Palace del capoluogo ligure sabato 24 ottobre. L’incontro, dal titolo “In cammino verso la casa della sapienza”, consentirà agli studenti che vi parteciperanno di guadagna un credito formativo. E Pippo Civati, componente della commissione Cultura e Istruzione della Camera, annuncia una interrogazione parlamentare.

A tenere il seminario saranno per lo più professori non massoni, almeno per quel che è dato sapere, spiega Alberto Custodero su Repubblica. Luisella Battaglia, docente di filosofia morale, terrà un intervento su “Epicuro maestro di saggezza”, Sonia Barillari, professoressa di Filologia Romanza, ne terrà una su “Luciano e la Storia vera”.

Scrive Custodero:

“I massoni del gran maestro Bini sono quelli che si rifanno all’Obbedienza francese, e sono chiamati in vari modi: “ghinazziani” (dal cognome di un gran maestro che ha governato molto a lungo, Giovanni Ghinazzi), “piazza del Gesù”, dall’indirizzo della sede storica, oppure Centro sociologico italiano. Questa massoneria, che ha 520 “logge”, 10mila iniziati (sia uomini che donne), da tempo ha deciso di uscire – in parte – allo scoperto, affacciandosi sui social con il sito www.granloggia.it. E una omonima pagina Facebook. Ora, fa un passo in avanti, proponendosi, non senza polemiche, come partner del mondo accademico”.