Protesta organizzata su Fb contro Fede a Pescara, denunciato

Pubblicato il 22 Settembre 2011 12:49 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2011 12:59

ROMA – Una protesta organizzata su Facebook e subito dopo una querela: finisce così lo scontro tra il consigliere regionale e comunale di Pescara per Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo e il direttore del Tg4 Emilio Fede. Oggetto della vicenda, la presenza del direttore del Tg4 come presidente di giuria questa sera a Pescara al concorso Miss Grand Prix Mister Italia.

Acerbo ha detto: ”Proseguendo di questo passo si andrà a finire che Lele Mora andrà a fare conferenza nelle scuole e Parolisi nei consultori”. E subito dopo ha spiegato i motivi della protesta: ”Sono indignato, e credo che con me lo saranno migliaia di cittadini abruzzesi, perché non è possibile accettare che nel momento in cui si si tagliano i fondi per il sociale, la scuola, la sanità e i disabili, si promuovano manifestazioni del genere, con l’elargizione di denaro pubblico”.

Fede, appena sapute le parole del consigliere di Rifondazione, ritenute ”offensive” ha annunciato querela sostenendo che Acerbo era tanto ”stizzito da non sapere neanche – ha detto – che io non ci sarò. Sarò, come ogni giorno, ad occuparmi del tg4. Voglio esprimere comprensione a lui tanto impegnato da non sapere neppure cosa capita nella regione della quale e’ anche capogruppo di un movimento serio come Rifondazione Comunista”.

E ancora: ”Si dice indignato, stizzito, furibondo, e invita la citta’ alla ribellione. Vorrebbe portare in piazza migliaia di persone contro di me. Modesto consiglio: la visita dallo psichiatra”.

La polemica non è finita lì. Acerbo ha controreplicato al giornalista:”Non so quali siano le parole offensive per le quali Emilio Fede intende querelarmi: noi abbiamo semplicemente ricordato ciò che è scritto su tutti i giornali del pianeta. E’ stata l’amministrazione comunale di Pescara a comunicare che Fede avrebbe presieduto la giuria. Che Fede annunci che non sara’ a Pescara la consideriamo una vittoria della nostra protesta civile e democratica”

”Il giornalista Emilio Fede – hanno precisato gli organizzatori della manifestazione- non e’ stato invitato, come lei stesso ha detto, in ‘un momento particolare della sua vita personale’ ma semplicemente in veste di Direttore di una delle Reti Televisive a noi interessate per la promozione dell’evento e del territorio abruzzese. Il ns. ufficio stampa ha contattato le reti Rai e Mediaset invitando direttori, giornalisti locali e nazionali senza alcun riferimento politico, tanto piu’ che i concorsi in oggetto sono sia femminile che maschile”.