Processo Mill, memoriale Berlusconi: “Sono innocente”

Pubblicato il 24 Febbraio 2012 15:03 | Ultimo aggiornamento: 24 Febbraio 2012 15:04

– ROMA, 24 FEB – ''Di fronte a questi argomenti inoppugnabili qualunque giudice scrupoloso ed equanime avrebbe dovuto chiudere il processo'': cosi' Silvio Berlusconi, conclude una lunga memoria diffusa alla vigilia della sentenza Mills. ''L'avvocato Mills – premette – era uno dei tantissimi avvocati di cui all'estero si era servito occasionalmente il gruppo Fininvest. Io non ricordo di averlo mai conosciuto. A processo avviato ho appreso dagli atti processuali che Mills era l'avvocato di un armatore italiano residente in un Paese africano, del quale gestiva anche il patrimonio e seguiva gli affari. Dai conti di tale armatore, oltre a trattenersi il denaro corrispondente a parcelle emesse, si era trattenuto anche 600.000 dollari quale ulteriore compenso professionale. Per non pagare l'imposta del 50% al fisco inglese e per non dover dividere la restante somma con i suoi soci di studio, Mills si invento' la storia che quei seicentomila dollari non erano frutto di una attivita' professionale, ma di una donazione esente da tasse. Gli venne in mente il nome di un dirigente Fininvest con il quale aveva avuto rapporti in passato, Carlo Bernasconi. E si invento' che quei soldi erano una donazione di Bernasconi. Perche' proprio di Bernasconi? Perche' Bernasconi nel frattempo era morto. E perche' Bernasconi gli avrebbe dato quei soldi? Per riconoscenza, perche' Mills, due anni prima della pretesa donazione, sarebbe stato attento, rendendo due testimonianze processuali in Italia, a non penalizzare il gruppo Fininvest e Silvio Berlusconi''. Una tesi ''risibile'': ''Mills era un testimone dell'accusa e in quelle occasioni le difese si opposero addirittura alla sua audizione. Se fosse stato un teste 'amico' – argomenta – ovviamente non vi sarebbe stata opposizione alcuna. Invece era certamente un teste ostile tanto che le sue dichiarazioni furono utilizzate quale punto principale per motivare, in primo grado, due sentenze di condanna. I due processi furono poi vinti da Fininvest in appello e in Cassazione. Non solo. Era anche in corso fra la Fininvest e Mills un aspro contenzioso poiche' questi si era trattenuto una ingente somma pari a ben 10 miliardi di lire di allora, che non voleva restituire e che poi effettivamente non restitui' trattenendosela. E' evidente quindi che mai si sarebbe potuto riconoscere alcunche' a chi con le sue testimonianze era stato causa di due sentenze di condanna e si era trattenuto una somma cosi' elevata ed oggetto di richiesta di restituzione''. Ecco come nasce il caso: ''L'avvocato Mills – racconta Berlusconi – avendo in corso una verifica fiscale e non volendo ne' pagare le tasse ne' dividere quei 600.000 dollari con i soci del suo studio, come aveva dovuto fare con i 10 miliardi che aveva trattenuto quale compenso professionale, tento' tramite il suo commercialista di costruire una storia verosimile per il fisco inglese. Ma gli ando' male perche' il fisco scopri' il trucco. I pubblici ministeri italiani, avvertiti, gli piombarono addosso e in un drammatico interrogatorio durato dieci ore a Milano, Mills, ormai sfinito e temendo di venire arrestato, come ebbe a spiegare egli stesso, diede una versione di comodo per poter ritornare immediatamente in Inghilterra''. Ma ''tornando in Inghilterra si rese conto di essersi comportato in modo del tutto incongruo e che la sua tesi era insostenibile e decise finalmente di dire tutta la verita'. Nelle sue recenti testimonianze nel processo ha ricordato di avere indicato anche ai PM di Milano che i soldi erano dell'armatore Attanasio, affermazione che invece i PM, sempre secondo Mills, si astennero dal verbalizzare. La procura milanese utilizzo' invece la sua prima dichiarazione al fisco per montare con grande gaudio e grande risonanza mediatica questo processo a mio carico. Ripeto: ne' le mie societa' ne' tanto meno io, avevamo ragioni per fare quel versamento a Mills che proprio con le sue dichiarazioni era stato il principale responsabile di due sentenze di condanna. Davvero una totale assurdita'! E, naturalmente, di un tale importante versamento avrebbe dovuto trovarsi una prova che, naturalmente, non essendoci stato, non si e' trovata davvero''. ''Nel 2006 promossi addirittura una conferenza stampa a Palazzo Chigi perche' i miei avvocati erano riusciti a reperire la documentazione che provava in modo indiscutibile il passaggio dei seicentomila dollari dall'armatore a Mills. Sono stati ricostruiti tutti i movimenti contabili dei conti correnti di Mills e del suo cliente documentando 'per tabulas' provenienza e destinazione del denaro. Ma – aggiunge – c'e' dell'altro. Gia' tre anni fa il processo sarebbe caduto in prescrizione, se nel febbraio 2008 la Procura di Milano non si fosse inventata la stupefacente tesi che il reato di presunta corruzione non si perfeziona nel momento in cui il corrotto riceve i soldi dal corruttore, ma nel momento in cui comincia a spenderli! Cioe' due anni dopo, proprio in tempo per far scattare in avanti i termini della prescrizione. Per finire l'ultimo paradosso: il fisco inglese, dopo indagini approfondite, ha deliberato di far pagare a Mills l'imposta del 50% piu' una forte penalita', su quei seicentomila dollari, proprio perche' ha accertato che si trattava di un corrispettivo dovuto per una prestazione professionale e non di una donazione da parte di terzi che, come donazione, sarebbe stata esente da tassazione''. ''Questi – conclude – sono i fatti. E cosi' li ha raccontati lo stesso Mills testimoniando nei giorni scorsi. L'avvocato Mills, sentito per ben cinque udienze quale testimone, ha radicalmente escluso, comprovandolo con riscontri documentali, di aver mai ricevuto somme di denaro da chicchessia per aver reso delle dichiarazioni in precedenti processi non rispondenti al vero. Tale testimonianza ha trovato totale riscontro negli atti di causa e non potrebbe che portare ad altro che ad una sentenza di prima e totale assoluzione''. .