Rai, caso Ferrario: Minzolini indagato per abuso d’ufficio

Pubblicato il 29 Settembre 2011 15:20 | Ultimo aggiornamento: 29 Settembre 2011 15:32

ROMA, 29 SET – In relazione al ‘caso Ferrario’, Augusto Minzolini risulta indagato dalla procura di Roma per abuso d’ufficio e per mancato adempimento di un’ordinanza del giudice del lavoro. Lo stesso Minzolini è indagato dalla procura di Roma anche per peculato in relazione alla vicenda delle spese da lui effettuate con la carta di credito affidatagli dalla Rai. Gli accertamenti in questo caso sono finiti e per il giornalista si profila ora una richiesta di rinvio a giudizio.

Minzolini: “Una boiata pazzesca”. “Rispetto al clamore suscitato, questa vicenda è una boiata pazzesca”. Augusto Minzolini ha commentato così, scrive il Corriere della Sera, l’arrivo nel suo studio a Saxa Rubra della Guardia di Finanza per “verifiche e accertamenti”. In un primo momento tutti avevano pensato a un possibile collegamento con la vicenda delle note spese che lo riguarda: ma l’inchiesta risulta formalmente conclusa.

Questa volta invece si tratta del mancato reintegro di Tiziana Ferrario alla conduzione del Tg1. Minzolini si è detto “assolutamente tranquillo: “L’inchiesta riguarda l’azienda e non il direttore”. La spiegazione tecnica è arrivata dall’avvocato di Tiziana Ferrario, Domenico D’Amati: “L’azienda non ha adempiuto al reintegro e quindi siamo stati costretti a rivolgerci al giudice penale, e a luglio abbiamo presentato una denuncia nei confronti dei responsabili. È partita l’indagine della Procura”.