Raid contro “picciotti gay”, Sonia Alfano: “Per i boss omosessualità è ancora tabù”

Pubblicato il 28 Maggio 2012 - 11:41 OLTRE 6 MESI FA

PALERMO – ''Essere boss mafioso e gay è ancora un tabù. La prova? Solo qualche mese fa alcuni affiliati della mafia sono stati oggetto di un atto dimostrativo da parte di altri affiliati ai clan''. Lo ha detto Sonia Alfano presidente della commissione antimafia al Parlamento Europeo ospite del talk show di Klaus Davi e in onda su You Tube.

''Ci sono stati una serie di episodi concentrati in Sicilia per punire alcuni appartenenti ai clan a cusa degli orientamenti sessuali di questi picciotti. Ci sono delle indagini in corso. Il motivo di questi 'atti dimostrativi' sono le tendenze omosessuali di questi boss. Sono venuta a conoscenza anche di un vero e proprio pestaggio Ma ci sono anche state 'azioni' ancora più forti compiuti in altri contesti''.

Nel corso della puntata la presidente della Commissione antimafia del Parlamento Europeo ha precisato : ''Non saprei dire se queste vittime di atti dimostrativi sono ancora affiliati, perché non sono a conoscenza delle ultime risultanze processuali. Di sicuro non godono della stessa considerazione che avevano prima''. Sonia Alfano ha aggiunto che ''questo episodio avvenuto qualche mese fa non è isolato''.

''Un altro fatto di cui sono a conoscenza – ha aggiunto – riguarda un affiliato a un clan di Cosa Nostra, omosessuale, che è stato picchiato da altri picciotti in carcere. Lui stesso, che è tutt'oggi detenuto, mi raccontò di essere stato picchiato per il suo orientamento sessuale, e disse chiaramente che non erano state le forze dell'ordine''.

''Questi episodi – conclude Sonia Alfano – dimostrano che chi è gay in Cosa Nostra corre ancora seri rischi. Lo spirito non è poi molto diverso dai primi anni novanta quando Johnny d'Amato fu ucciso da Tony Capo perché 'amoreggiava'' con gli uomini''. (