Roma: producevano maglie false della Nazionale di calcio, 11 denunciati

Pubblicato il 25 ottobre 2011 12:07 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 12:07

ROMA – Producevano falsi delle divise della Nazionale italiana di calcio e di altre famose squadre europee. Per questo undici persone, tutti italiani, sono state denunciate dal Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Roma. Sequestrati oltre 300 mila articoli contraffatti, ventiquattro macchinari, piu' di trecento telai, circa duecento clichè e due siti web. Il gruppo riproduceva anche i gadget degli Azzurri.

I finanzieri, dopo indagini durate diversi mesi, hanno sventato l'introduzione sul mercato della capitale di merce dal valore commerciale di oltre due milioni di euro, secondo quanto si legge in un comunicato delle Fiamme Gialle. L'operazione, ribattezzata 'Impero Romano', è scaturita dal monitoraggio dei commercianti ambulanti che ponevano in vendita, soprattutto in occasione dei vari avvenimenti sportivi tenutisi nella capitale, capi di vestiario e gadget contraffatti.

Le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria hanno poi ripercorso a ritroso la filiera distributiva, individuando i laboratori serigrafici e le fabbriche che, mediante clichè, realizzavano perfette copie delle maglie e degli accessori, che spaziano dalle t-shirt e dalle sciarpe delle maggiori squadre di calcio agli adesivi raffiguranti noti personaggi dei cartoni animati e del Motomondiale.

Le fabbriche clandestine erano localizzate soprattutto nei quartieri di Tor Bella Monaca e Centocelle, nonché nella zona di San Pietro e nei comuni di Fonte Nuova, Ariccia e Guidonia Montecelio. Alcuni indagati orbitavano nella provincia di Rieti, dove erano stati addirittura creati due siti web, con l'intento di incrementare il giro d'affari anche fuori del territorio nazionale.