Saman Abbas,sepolta dal Medio Evo: la tecnologia del XXI secolo la cerca nei campi della Bassa Padana

di Enrico Pirondini
Pubblicato il 10 Giugno 2021 11:48 | Ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2021 11:48
Saman Abbas,sepolta dal Medio Evo: la tecnologia del XXI secolo la cerca nei campi della Bassa Padana

Saman Abbas,sepolta dal Medio Evo: la tecnologia del XXI secolo la cerca nei campi della Bassa Padana

Saman Abbas, si cerca con ogni mezzo il suo corpo. Cani, sonar e droni nei campi dell’orrore. Saman Abbas è la giovane pachistana sparita a fine aprile da Novellara (Reggio Emilia). Sono cinque i familiari indagati: i genitori, uno zio e due cugini.

Gli inquirenti sempre più convinti che dia stata uccisa anche perché il fratello ha rivelato che “ l’ha strangolata lo zio”. Rifiutava il culto musulmano e un matrimonio combinato nel suo Paese.

Abito ad un tiro di schioppo dai campi di Novellara  – la Bassa Reggiana –  dove gli inquirenti ritengono sia sepolta Saman Abbas, 18 anni, pachistana

L’hanno uccisa, dicono, perché seguiva  le mode occidentali. E, soprattutto, rifiutava un matrimonio combinato dalla sua famiglia che, si racconta, l’aveva venduta ad un tale nel suo Paese d’origine.

Vero, falso?

In ogni caso due cose sono certe: la ragazza è sparita da almeno una quarantina di giorni e suo fratello ha detto che ad ucciderla è stato zio  Danish, terribile e temuto.

La Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo per omicidio premeditato. Uno dei due  cugini indagati, Ikram  Ijaz, è stato arrestato in Francia mentre tentava i fuggire in Spagna. Gli inquirenti cercano la sventurata con ogni mezzo, senza risparmio di energie. Stanno passando al setaccio in tutti i modi possibili i terreni di Novellara.

Più a sud ci sono i campi di Carletto Ancelotti, neo allenatore del Real Madrid. Non lontano dalle serre di meloni e cocomeri viveva Lorenzo Bandini, il pilota della Ferrari , morto in gara a Montecarlo il 10 maggio 1967.

Cercano i resti di Saman Abbas uccisa dal Medio Evo con la scienza del 21 secolo

Questa è la Bassa emiliana cara ai suoi cantori come Zavattini e Guareschi. È la Bassa del pittore Ligabue, di Umberto Tirelli il sarto teatrale che piaceva a Luchino Visconti e a Franco Zeffirelli ( 16 Oscar ). In linea anche il sindaco (riconfermata nel 2019 ), cioè Elena Carletti, figlia di Beppe, fondatore e tuttora tastierista de “ I Nomadi “. E mi fermo qui.

Sotto le finestre passano gli uomini con droni, cani molecolari. Da oggi è messo in campo un elettromagnetometro. Uno strumento ad alta tecnologia in grado di scansionare il terreno in profondità . La macchina è manovrata da un ingegnere.
Il procuratore Isabella Chiesi dice che questo strumento potrebbe essere risolutivo.