Sarah Scazzi, parla Ivano Russo: “Una volta mi disse ti voglio bene”

Pubblicato il 31 Gennaio 2012 11:09 | Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2012 11:34

TARANTO – ”Con Sarah avevo un buon rapporto. La mia impressione è che sentisse la lontananza di padre e fratello, che erano lontano per lavoro, e mi vedesse forse come figura paterna. Spesso voleva essere abbracciata, e la abbracciavo.

Una delle ultime volte che mi abbracciò mi disse ‘Ti voglio bene’ e io le dissi ‘Anch’io ti voglio bene”’. Lo ha dichiarato il teste Ivano Russo che sta deponendo al processo per l’omicidio di Sarah Scazzi.

”Ho conosciuto Sabrina e Sarah – ha proseguito Ivano – nel dicembre 2009. Con Sabrina inizialmente ho instaurato un rapporto di amicizia, Sarah era più piccola e con lei ci voleva particolare attenzione perché la nostra comitiva era di adulti”.

”Con Sabrina si instaurò mano a mano un rapporto confidenziale. Ad un certo punto però vidi da parte sua atteggiamenti ambigui, complimenti che andavano oltre. Le ho chiesto se per lei era ancora amicizia o qualcos’altro, e lei mi disse che era amicizia. Ma pochi giorni prima che Sarah morisse ho deciso di troncare il rapporto perché non mi convinceva, e mi sono allontanato anche per non farla soffrire”, ha detto Ivano Russo.