Tivoli: alcol-test obbligatorio per i professori e i bidelli

Pubblicato il 20 Aprile 2012 14:33 | Ultimo aggiornamento: 20 Aprile 2012 14:33

TIVOLI – Alcol test nella forma di analisi del sangue per professori e bidelli. Controllo che è obbligatorio e riguarda i 108 docenti e per tutto il personale a contatto con gli studenti dell’Itcg ‘Fermì di Tivoli (Roma). Controllo che, ovviamente, ha fatto discutere e non poco chi nella scuola vive e lavora .

Come scrive la Repubblica e riporta AdnKronos la dirigente Giuseppina Zumpano, alla guida dell’istituto da 8 anni, ha infatti deciso di applicare il protocollo di sorveglianza sanitaria per chi svolga mansioni a rischio di stress psicofisico sulla base del decreto 81 del 2008. “La mia è una battaglia per la prevenzione – spiega al quotidiano Zumpano – Esiste da anni un protocollo che lo prevede. Spetta al dirigente decidere, perchè è il solo responsabile della sicurezza”.

“Se non l’ho fatto prima – la spiegazione delle preside – è stato per mancanza di fondi. Ma preciso: io ho fiducia nei miei docenti, penso siano professionisti all’avanguardia”. Nel caso in cui un docente si rifiutasse di sottoporsi al test, osserva, “per ora non ho previsto nulla, perchè 97 docenti su 108 hanno già dato la disponibilità. Credo che presto lo faranno tutti perchè hanno compreso le mie ragioni”.

Chi non ha “compreso” e anzi si dice sorpreso è Mario Rusconi, vicepresidente dell’Associazione nazionale dei presidi: “È la prima volta che sento di un caso del genere”, afferma riferendo che non esistono circolari del ministero o dell’ufficio scolastico sul tema: “Da questo nasce la mia perplessità – conclude – I riferimenti legislativi a cui ci si rifà, per carità esistono, ma un provvedimento del genere per tutto il corpo docente mi sembra eccessivo”.