Cronaca Italia

Totò Riina, niente funerali in chiesa. Al massimo una preghiera al cimitero

riina-funerali

Totò Riina: nessuno potrà piangere in Chiesa il capo dei capi

ROMA – Totò Riina, niente funerali in chiesa. Al massimo una preghiera al cimitero. “Un funerale pubblico non è pensabile. Ricordo la scomunica del Papa ai mafiosi, la condanna della Chiesa italiana che su questo fenomeno ha una posizione inequivocabile. La Chiesa non si sostituisce al giudizio di Dio ma non possiamo confondere le coscienze”. Lo dice all’ANSA il portavoce della Cei, don Ivan Maffeis.

Non risulta per ora che a Parma sia stata chiesta una benedizione della salma di Totò Riina, morto nella notte all’ospedale Maggiore a 87 anni, compiuti ieri. Nessuna richiesta in tal senso è stata fatta, secondo quanto verificato dall’ANSA, né al cappellano del carcere, frate Giovanni Mascarucci, né ai padri cappuccini che si occupano dei pazienti dell’ospedale dalla chiesa di San Francesco e neanche alla diocesi di Parma. Nessun religioso inoltre sarebbe stato interpellato nelle ultime ore del boss di Corleone.

In ogni caso la posizione ufficiale della Chiesa in merito è chiara: monsignor Michele Pennisi, vescovo di Monreale, la diocesi di Corleone, ha negato da anni i funerali ai mafiosi, come battesimi, cresime ecc… Oggi ribadisce il concetto: “Trattandosi di un pubblico peccatore non si potranno fare funerali pubblici. Ove i familiari lo chiedessero si valuterà di fare una preghiera privata al cimitero”.

To Top