Uomo ucciso a San Giuliano Milanese: sembra esecuzione ma è un giallo

Pubblicato il 11 Gennaio 2012 0:00 | Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2012 23:26

SAN GIULIANO MILANESE (MILANO), 10 GEN – Ha tutti i contorni dell'esecuzione l'omicidio di un operaio edile, incensurato, avvenuto presumibilmente a colpi di arma da fuoco questa sera per strada sotto casa in un popoloso quartiere residenziale di San Giuliano Milanese. Ma alcuni particolari del fatto di sangue non sono stati ancora ricostruiti – e' necessario piu' tempo – dai carabinieri che sono rapidamente giunti sul posto e sono tuttora al lavoro. Vicino al corpo della vittima, per esempio, e' stato trovato un coltello peraltro non sporco di sangue.

L'assassinio e' avvenuto poco prima delle 21 a Zivido, una frazione del comune della cintura dell'hinterland del capoluogo lombardo, in via dei Mille. Non ci sono testimoni: l'allarme e' stato dato dai vicini. Qualcuno ha avvicinato Luca Saverio Verracina, 38 anni, nato a Milano, senza alcun precedente penale, e lo ha ucciso presumibilmente sparandogli alcuni colpi di pistola, almeno due, si ritiene di piccolo calibro, alla schiena. L'uomo e' stramazzato a terra ed e' morto all'istante. Ma sul luogo non sono stati ancora rinvenuti i bossoli segno che potrebbero essere stati raccolti. Non esistono infatti pistole a tamburo, che quindi non rilasciano bossoli, di modesto calibro.

E' poi stato ritrovato un coltello pulito e non usato. Ma questo particolare comunque non sembra per ora avvalorare la tesi di una lite finita nel sangue o di una rapina conclusasi tragicamente. E le ferite sul corpo non sembrano compatibili con delle coltellate. Solo domani o nei prossimi giorni si riuscira' probabilmente a venire a capo del 'giallo'.

Verracina era sposato e con un figlio piccolo che frequenta le elementari. La moglie ha avuto un malore ed e' stata assistita e trasportata in ospedale, nel vicino comune di Vizzolo Predabissi, con l'aiuto dei militari. Le sue condizioni non destano per ora preoccupazione ma e' trattenuta nella struttura sanitaria per le cure del caso.

Non risulta che l'operaio avesse litigato seriamente in passato con qualcuno di conosciuto o che avesse ricevuto minacce.