Veronica Zanon, studentessa italiana ad Amsterdam, uccisa da un aneurisma a 19 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Ottobre 2021 11:42 | Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre 2021 11:42
Veronica Zanon, studentessa italiana ad Amsterdam, uccisa da un aneurisma a 19 anni

Veronica Zanon, studentessa italiana ad Amsterdam, uccisa da un aneurisma a 19 anni

Stroncata a 19 anni da un aneurisma: è morta così Veronica Zanon, studentessa universitaria originaria di Mestre (Venezia), che studiava Economia e Business all’Università di Amsterdam, nei Paesi Bassi. 

Aveva scelto di trasferirsi lì dopo le scuole superiori con il sogno di lavorare nel settore della moda. Sperava di specializzarsi, un giorno, negli Stati Uniti. Ma i suoi sogni sono stati spezzati presto. 

Veronica Zanon uccisa da un aneurisma a 19 anni

Veronica Zanon è stata trovata a terra agonizzante nel suo appartamento di Amsterdam. La ragazza si era sentita male il pomeriggio precedente, quando si trovava fuori in compagnia di alcune amiche.

“Diceva di sentire freddo”, ha raccontato chi era con lei. Aveva dato appuntamento per l’indomani al fidanzato, ma quando lui è arrivato a casa l’ha trovata riversa a terra. Inutili i soccorsi e il trasferimento in ospedale. 

Aneurisma: cos’è e quali sono i sintomi

Ad uccidere Veronica Zanon è stato un aneurisma, ovvero la dilatazione di una arteria del cervello che, se rotto, può portare a condizioni cliniche gravi, fino alla morte.

La gran parte degli aneurismi cerebrali non danno sintomi e non si ha una diagnosi fino alla rottura della arteria. In qualche caso, però, si possono avere dei sintomi precedenti come cefalea, dolore oculare e deficit visivi.

Quando si verifica la rottura i sintomi vanno dalla cefalea molto intensa a nausea e vomito, dalla rigidità della nuca al dolore agli occhi, alla schiena e alle gambe. Ma si possono avere anche midriasi (ovvero grandezza della pupilla oltre i 5 mm di diametro), ipertensione, perdita di equilibrio, sensibilità alla luce, perdita di coscienza.