In preda a un raptus getta la zia dal balcone: accusato di omicidio volontario

Pubblicato il 19 Aprile 2010 16:57 | Ultimo aggiornamento: 19 Aprile 2010 20:35

Dovrà rispondere dell’accusa di omicidio volontario l’uomo di 56 anni che lo scorso 25 settembre avrebbe sollevato di peso la zia materna di 91 anni, gettandola dal balcone della sua casa, e uccidendola. A chiedere il rinvio a giudizio, il pm milanese Antonio Pastore.

Il dramma avvenne a Milano, in via Venini. L’imputato, Roberto A., soffre di disturbi psichici, ed è stato per anni in cura a l Niguarda. Viveva da cionque anni nello stesso appartamento dell’anziana zia, costretta su una sedia a rotelle.

Nella notte tra il 24 e il 25 settembre 2009, probabilmente preso da un raptus, sollevò di peso la zia e la buttò giù dal terrazzino. Poi si rimise a dormire, cone se nulla fosse. Venne fermato subito dai poliziotti del commissariato Centro.