Australia contro la pedofilia: stop ai seni piccoli nei porno

Pubblicato il 30 Gennaio 2010 19:29 | Ultimo aggiornamento: 30 Gennaio 2010 19:29

L’Australia è da sempre in prima linea nella lotta alla pornografia e alle molte misure volute dal Governo per limitarne l’uso se ne aggiunge un’altra. Una legge appena introdotta vieta la diffusione di film pornografici con attrici dai seni piccoli, perché potrebbero istigare alla pedofilia. La misura fa già discutere, c’è chi la trova discriminatoria e poco intelligente.

Che il Governo di Camberra sia da sempre schierato contro la pornografia non è una novità. Il primo disegno di legge atto a oscurare il materiale osceno sulla Rete risale al 2003 e durante lo scorso mese di dicembre il Senato ha rilanciato la questione. “Reporters Sans Frontieres”, associazione internazionale per la libertà di stampa e contro le censure, lo scorso mese di marzo aveva inserito l’Australia nella lista dei paesi “sotto osservazione”.

Il 20 gennaio 2010 è stata approvata una legge secondo la quale i film etichettati come “R-Rated”, quei film che da noi sono accompagnati dal classico bollino giallo e che i minori dovrebbero vedere in presenza di un adulto, sono da considerare come pornografici, almeno per i bambini che vivono nel Paese dei canguri. Ieri una nuova legge mirata a vietare la diffusione dei film pornografici nei quali appaiono donne con seni poco prominenti, poiché secondo il Senatore Joyce istigano alla pedofilia.