Disabile bianco torturato da 4 neri a Chicago in diretta su Facebook Live: “Vaffa Trump!”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2017 9:13 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2017 9:32
Disabile bianco umiliato da 4 neri a Chicago in diretta su Facebook Live: "Vaffa Trump!"

Disabile bianco umiliato da 4 neri a Chicago in diretta su Facebook Live. Il tweet della Polizia. Gridavano: “Vaffa Trump!”, “Vaffa i bianchi”

Due video con le umiliazioni inflitte a un ragazzo bianco disabile da parte di quattro neri sta incendiando gli Usa. Quel che si vede nei video è stato trasmesso in diretta su Facebook Live da uno del commando, mentre gli altri legavano, imbavagliavano, picchiavano, urinavano addosso al bianco, costretto poi anche a bere acqua dalla tazza del wc.

I quattro neri, due maschi e due femmine, sono stati arrestati. Hanno 18 anni, come la loro vittima che è anche loro compagno di scuola. Il video è stato rimosso da Facebook. I quattro assalitori avevano in precedenza rubato un furgone sul quale avevano fatto salire il ragazzo bianco. Essendo loro compagno di scuola, è possibile che sia salito di sua volontà. Poi hanno raggiunto una zona di Chicago non ancora identificata e si sono scatenati. L’intero spettacolo è andato avanti per mezz’ora. Poi il ragazzo bianco è stato fatto scendere. Ha vagato per la città per 24 ore, fino a quando una pattuglia della polizia lo ha raccolto.

La vicenda ha come sfondo Chicago, città profondamente divisa fra vari gruppi etnici: polacchi, irlandesi, italiani, tedeschi, cinesi, neri soprattutto. Chicago è la città che il presidente Usa Barack Obama rappresentava in Senato. Obama, sull’onda dello sdegno dei bianchi americani, ha diffuso parole distensive ma anche realistiche:

”Non possiamo pretendere che il razzismo non esista”. Il video circolato su Facebook, secondo Obama, mostra quanto il ”razzismo, la discriminazione e l’odio pesino sulle comunita”’.

Al fondo ci sono mesi di  crescente tensione dopo i casi di neri uccisi più o meno a sangue freddo e quasi sempre inutilmente da poliziotti bianchi in varie città americane. Ne è nato un movimento di reazione,  Black Lives Matter, che a sua volta ha determinato eccessi da parte nera. A  Black Lives Matter è atribuita l’ispirazione dell’assalto trasmesso in diretta su Facebook Live.

Si sentono gli assalitori ridere, parlare di droghe e di “mettere termine alle disgrazie” della loro vittima.

A un certo momento nel video appare la lama di un coltello. Viene usato per tagliare i capelli del bianco e per tagliargli anche i vestiti. Il ragazzo bianco rincattucciato in un angolo viene anche bruciato con delle sigarette. Gli aggressori lanciano il verbo preferito da Beppe Grillo, “Vaffa…” che in inglese si traduce con “Fuck”, fotti:

“Fuck Donald Trump!” and “Fuck white people!”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other