Gb, fa uccidere la moglie in luna di miele: un secondo delitto per il miliardario?

Pubblicato il 12 Dicembre 2010 18:02 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2010 18:57

Il miliardario britannico di origini indiane, Shrien Dewani, già accusato di aver fatto uccidere in Sudafrica la moglie Anni durante il viaggio di nozze facendo apparire l’omicidio come un’aggressione di criminali, potrebbe avere sulla coscienza un secondo omicidio avvenuto tre anni prima sempre in Sudafrica. Di questo almeno è convinta la polizia sudafricana che ha riaperto così un caso che ha scosso la Gran Bretagna occupando per giorni i media locali.

Immediata la smentita dell’uomo d’affari oggi libero su cauzione in Gran Bretagna mentre sono in corso le indagini per il delitto della moglie Anni. Shrien Dewani viene oggi accusato di essere il mandante dell’omicidio, tre anni fa, del dottor Pox Raghavjee, sequestrato ed ucciso nella sua macchina nella città di King William, a circa 650 miglia da Città del Capo. Il collegamento tra i due omicidi sarebbe venuto dalle dichiarazioni del tassista sudafricano che sta collaborando con la polizia: Zola Tongo, questo è il suo nome, ha confessato di aver compiuto un altro omicidio nel 2007 con le stesse modalità con le quali uccise lo scorso 14 novembre la bella moglie di Dewani.

Ora il miliardario britannico è terrorizzato dalla possibilità di essere estradato in Sudafrica dove è convinto di non poter aver un processo equo.