Messico, arrestato un altro generale per presunti legami con i narcos

Pubblicato il 18 Maggio 2012 19:42 | Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2012 19:51

CITTA' DEL MESSICO – Forze dell'esercito messicano hanno arrestato un terzo generale per i suoi presunti legami con i cartelli del narcotraffico. Lo ha reso noto la Segreteria per la difesa nazionale (Sedena), precisando che si tratta di Ricardo Escocia Vargas, in pensione dall'aprile del 2010.

Per gli altri due generali arrestati due giorni fa – Thomas Angeles a riposo e Roberto Dawe in attività -, la Procura generale ha disposto la detenzione temporanea per 40 giorni per i loro presunti legami con il cartello dei Beltran Leyva.

Contro i tre generali, scrive oggi 'El Universal', hanno testimoniato vari militari in attività e altri sotto processo a loro volta per connessioni con il narcotraffico, nonché due ex membri dei cartelli, denominati Mateo e Jennifer.

I legali di Angeles e Dawe hanno però messo in dubbio tali accuse, specificando che si tratta degli stessi testimoni che la Viceprocura per le indagini speciali sulla delinquenza organizzata (Siedo) ''utilizza da anni per i casi contro funzionari pubblici federali, che sarebbero legati ai Beltran Leyva''.

Intanto, secondo un blog specializzato in narcos, i militari hanno arrestato oggi otto membri del Cartello del Golfo che sarebbero legati alla strage delle 49 persone decapitate, avvenuta il 13 maggio scorso nel municipio di Cadereyta, Stato di Nuevo Leon ed attribuita ai Los Zetas.

La loro detenzione è avvenuta nel corso di un'operazione in cui, dopo una soffiata anonima, stavano cercando il luogo dove sarebbero state sepolte le 49 teste dei cadaveri.