Messico, due cadaveri appesi a un ponte: vendetta dei narcos

Pubblicato il 14 Settembre 2011 - 13:07 OLTRE 6 MESI FA

CITTA' DEL MESSICO, 14 SET – I corpi di due giovani sequestrati e uccisi sono rimasti per qualche ora appesi ad un cavalcavia nella citta' di Nuevo Laredo, nello stato di Tamaulipas. I due, un uomo e una donna, sono stati uccisi molto probabilmente perche' avevano utilizzato le reti sociali per denunciare uno dei cartelli del narcotraffico messicano.

I due giovani – un uomo e una donna, entrambi di circa 25 anni – erano stati torturati, hanno precisato le forze della sicurezza, rilevano i media. Vicino ai corpi sono stati d'altra parte trovati due messaggi scritti. ''Questo e' quanto succedera' a chi usa internet. Attentamente Z'', affermava uno dei due 'narco-messaggi', rilevano i media locali, ricordando che gli Zetas e' uno dei cartelli della droga piu' potenti del Messico, molto attivo a Nuevo Laredo, citta' che si trova sulla frontiera con gli Stati Uniti.