Papa Francesco: photoshop di Fukushima simula visita privata

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 Ottobre 2015 8:57 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2015 9:33
Papa Francesco: photoshop di Fukushima simula visita privata

Papa Francesco: photoshop di Fukushima simula visita privata

ROMA – Le foto che ritraggono Takanori Fukushima al “baciamano” con il Papa al termine dell’udienza generale del primo ottobre 2014 sul sagrato di San Pietro sono ritoccate. Foto che lo stesso neurochirurgo ha pubblicato sul suo blog e che lo immortalano a tu per tu con Francesco. Ma a vedere le immagini ufficiali sul sito dell’Osservatore Romano la realtà è ben altra: Fukushima è circondato da decine di fedeli che stringono la mano al Papa, tutti in fila dietro la consueta transenna foderata di stoffa.

Certo è che il chirurgo quel giorno era all’udienza del Papa, anche in una posizione privilegiata rispetto ai 30 mila fedeli presenti, ma insieme a tante altre persone e non certo in un incontro a due.

“Visita Fukushima non aveva finalità cliniche”. “Le due visite in Vaticano di Takanori Fukushima non hanno avuto alcuna finalità di carattere clinico. Se non fosse così lo avrei certamente saputo visto che da 22 anni sono un suo stretto collaboratore”.

Lo ha detto stasera all’ANSA il neurochirurgo Gaetano Liberti, allievo del chirurgo giapponese, che lavora all’Aou di Pisa e presta la sua attività anche nella clinica di San Rossore, commentando la notizia riportata oggi dal Qn su un presunto tumore al cervello per Papa Francesco. “Il 28 gennaio scorso – ha aggiunto Liberti – Fukushima è andato a Roma e ha pernottato ospite di un convento del Vaticano ma la sua visita non aveva alcuna finalità medica né tanto meno riguarda lo stato di salute di Bergoglio”.

Takanori Fukushima, il neurochirurgo giapponese di fama mondiale che secondo Qn avrebbe visitato Papa Francesco a causa di un tumore benigno al cervello, ha rimosso dal suo blog i due post sulle missioni in Vaticano di ottobre 2014 e gennaio 2015. Nel primo c’erano anche le due foto, ritoccate, dell’incontro col Papa.